Essentials

Meta

Pages

Categories

Champions league: Roma-Real Madrid 0-2

Champions league 2018-19
Girone E
Quinta partita della fase a gironi
Martedi 27 novembre 2018
Roma: stadioOlimpico ore 20,45
Roma-Real Madrid 0-2

ROMA QUALIFICATA CON UN TURNO DI ANTICIPO
QUANTI ERRORI GIUSTAMENTE SECONDA

Quando Roma e Real Madrid scendono difronte ai sessantamila dell’Olimpico conoscono già il, loro destino.
Grazie alla vittoria del Viktoria Plzen a Mosca entrambe raggiungono la qualificazione con un turno di anticipo.
Si gioca quindi solo per il primato del girone.
Il primo tempo è completamente ad appannaggio dei giallorossi che sfiorano la rete a più riprese, e sono anche
abbastanza sfortunati. Schick ha buone occasioni ma il Real cui sorride la dea bendata dice no.
La Roma imprime valore al suo gioco e riesce a chiudere gli avversari per lunghi periodi nella loro area rischiando
poco, quasi nulla.
La maledizione di una stagione sfortunata, sciagurata, maledetta e mettiamoci pure da delitto perfetto, si fà sentire
proprio nel recupero del primo tempo quando Zaniolo, il migliore in campo, ruba l’ennesimo pallone ai difensori madrileni
e inventa un passante che taglia tutta l’area di rigore.
Portiere tagliato fuori arriva in corsa Under che a centimetri dalla porta incustodita, ancora non mi capacito come, riesce
nell’impresa di mettere alto imprimendo anche un assurda potenza al pallone che bastava accompagnare dolcemente in rete.
E’ l’ultima azione della partita e sarà di un pesante che si ripercuoterà anche nella testa dei giocatori nella ripresa.
Chiaramente quando Fazio ad inizio secondo tempo regala l’assist perfetto a Bale per il vantaggio dei blancos la colpa non è
di Under ma di un difensore che quest’anno ne combina di tutti i colori.
Lo 0-1 fà uscire la Roma dal campo, nonostante che altre occasioni gli presenteranno ma gli ospiti dopo il raddoppio tengono
in pugno un incontro che ha avuto due tempi di gara completamente diversi.
Purtroppo sembra grave l’infortunio occorso a El Sharawy nei primi 45′ e insieme a tanti altri titolari salterà l’Inter.
Molte delle problematiche dei giallorossi di questa stagione risiedono nella testa, e in questo caso più di un allenatore serve
uno psicologo.
Alla fine la Roma viste le assenze gravi non poteva fare di più (nel primo tempo), l’esperienza in queste competizioni conta molto.
L’ultima gara a Pilzen sarà ininfluente ai fini della classifica, non così per la squadra primavera sconfitta al tre fontane per 1-6 e
che proprio nella Repubblica Ceca dovrà trovare la qualificazione per il secondo posto, per poi partecipare agli spareggi.
Nel marasma generale, nell’apice della negatività, la Roma si qualifica al turno successivo della Champions League, i risultati
contano sempre e questo è un buon risultato da dove ripartire domani mattina quando la sveglia suonerà e sarà Roma-Inter che
vale per la Champions del prossimo anno.

HALL FAME ENTRA TOTTI
I TIFOSI RIEMPIONO L’OLIMPICO

Prima del calcio d’inizio di Roma-Real Madrid, Francesco Totti entrerà a far parte della Hall Of Fame.
La cosa più bella è che il capitano farà parte delle stelle della storia giallorossa senza votazione,
ed è il ventottesimo grande giocatore a farlo.
La cerimonia avverrà in uno stadio colmo di sentimento e emozione, che rivivrà momenti unici come
l’addio al calcio del campione romanista e solo romanista.
Totti conserverà per sempre la maglia della Hall Of Fame, ricevuta prima di lui da altri grandi campioni come: Falcao, Cerezo e Bruno Conti.
“Avere indossato un’unica maglia è stato un privilegio, qualcosa che non si può descrivere. Ogni giorno per me è da Hall of Fame grazie a questo pubblico,
la cosa più bella è rimanere uniti come siamo sempre stati. Per me ogni tifoso è come un fratello e come una sorella, li amo tutti veramente”.

MONCHI : CI VUOLE TEMPO

“A livello di motivazioni, la Roma c’è al 100%. L’anno scorso è stato magnifico, quest’anno abbiamo fatto molti cambiamenti e ci è servito del tempo per trovare la strada giusta.
Ora siamo più vicini a quello che vogliamo. La squadra si conosce meglio e stiamo raggiungendo un buon livello.
Una squadra che domina, con la mentalità vincente. Vorrei vedere una squadra ambiziosa.
Abbiamo avuto problemi di infortuni che non ci aspettavamo.
Per l’importanza, il tifo, essere la capitale d’Italia, l’intenzione è avere un progetto vincente. Tutti i processi vanno portati avanti un passo alla volta e l’anno scorso ne abbiamo fatti
già d’importanti. Abbiamo sempre bisogno di tempo.
Abbiamo una delle rose più giovani d’Italia e della Champions.
Pensiamo al presente e al futuro. Abbiamo 17 internazionali: Italia, Repubblica Ceca, Svezia, Francia, Serbia, Olanda… E’ un progetto che ha bisogno di tempo per maturare.”

CONFRONTO FRA DELUSE

Roma e Real Madrid si trovano all’Olimpico quasi in simbiosi.
Entrambe vengono da un campionato a dir poco preoccupante, i giallorossi escono con le ossa rotte dal Dacia Arena di Udine, sconfitta per 1-0.
Non meglio gli avversari, campioni di Champions, che hanno perso l’ultima dellla Liga addirittura per 3-0 contro l’Eibar.
Bene sotto i riflettori della Champions league, dove sembrano specchiarsi ,per poi indossare i panni del brutto anatroccolo in campionato.
Roma e Real si giocano sia la qualificazione agli ottavi che il primato del girone.
Propabilmente la Champions prosciuga gli atleti dal punto di vista mentale., altrimenti è inspiegabile quello che è sotto gli occhi di tutti.
In ogni caso per la Roma non qualificarsi per la prossima Champions passando per il campionato sarebbe una grande perdita economica con grave ripercussione
nella squadra sul mercato e nell’ambiente, questo sì giustamente SCHIFATO dal comportamento dei propri beniamini.

TABELLINO

ROMA (4-2-3-1): Olsen; Florenzi, Manolas, Fazio, Kolarov; Nzonzi (dal 19’ s.t. Coric), Cristante; Under, Zaniolo (dal 24’ s.t. Karsdorp), El Shaarawy; Schick
A disposizione: Mirante, Juan Jesus, Marcano, Santon, Kluivert
Allenatore: Di Francesco
REAL MADRID (4-3-3): Courtois; Carvajal, Sergio Ramos, Varane, Marcelo; Modric (dal 35’ s.t. Valverde), Llorente, Kroos; Vazquez, Benzema (dal 32’ s.t. Mariano), Bale (dal 39’ s.t. Asensio)
A disposizione: Casillas, Ceballos, Vinicius, Javier Sanchez
Allenatore: Solari.
Arbitro: Turpin (FRA)
Assistenti :Danos-Gringore (FRA)
IV Ufficiale: Zakrani (FRA)
Marcatori: 46′ Bale, 59′ Vazquez
Spettatori 59.124
Incasso di 3.518.387 euro.
Ammoniti: Modric, Zaniolo e Varane
Angoli: 5-5.
Recupero: 2’ p.t.; 4’ s.t..

Write a Comment

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Shortcuts & Links

Search

Latest Posts