Essentials

Meta

Pages

Categories

Campionato: Inter-Roma: 1-1

Campionato di calcio serie A
Stagione 2017-2018
Seconda giornata del girone di ritorno
Ventunesima giornata
Domenica 21 gennaio 2018
Milano : Stadio Meazza ore 20,45
Inter-Roma: 1-1

ROMA RAGGIUNTA NEL FINALE

All’86’ minuto Vecino di testa ha permesso all’Inter di raggiungere il pareggio, e nulla ha potuto fare un ottimo Alisson che nella ripresa aveva salvato
in più occasioni sulle conclusioni interiste.

Il vantaggio della Roma al 31′ con El Sharawy

ROMA DETERMINATA
AVANTI CON EL SHARAWY

Di Francesco porta a Milano una Roma superdeterminata a riprendersi quello che di bello aveva fatto vedere ad inizio di campionato.
In tribuna De Rossi con la Roma che affronta un ciclo di gare importanti perchè dopo l’Inter avrà il recupero mercoledi contro la Sampdoria a Marassi
per poi ritrovare i blucerchiati all’Olimpico sempre in campionato.
Per fare questo gioca alla sua maniera difesa altissima, tattica dl fuorigioco, e sopratutto un gran pressing portato a tutto campo nella metà campo nerazzurra,
sopratutto in fase di impostazione degli uomini di Spalletti.
L’Inter non è preparata a questo tipo di partita e fatica molto rischiando parecchio e se non va in svantaggio
lo deve ad un esitazione del giovane Gerson che invece di concludere serve un assist inopportuno.
L’Inter non sta a guardare e su palle ferme crea azioni importanti ma con conclusioni tutte sbagliate.


La Roma poi si ricorda di essere squadra brava anche nel ripartire e quando al 31′ Allison recupera la sfera serve immediatamente El Sharawy
che va via ad un incerto Santon e sull’uscita di Handanovic opera con un preciso scavetto che s’infila nella rete nerazzurra.
Un fallo in area per parte su Icardi e su Florenzi dall’altra parte e si ricorre alla Var che velocissima decreta tutto ok.
Finisce 0-1 il primo tempo con la domanda che viene spontanea vista l’ultima Roma stagionale.
Ci sarà ossigeno sufficente per seguitare su questo tipo di tattica?

RIPRESA A RITROSO

A rispondere alla domanda posta nel finale del primo tempo ci ha pensato la squadra che ha iniziato a spostare all’indietro il baricentro del gioco, subendo un Inter
che nel primo tempo era stata surclassata.
Icardi e compagni hanno iniziato a conludere i cross che arrivavano da destra e sinistra sfiorando in più occasioni il pari, colpendo due pali (uno per tempo), e trovando
in porta un grande portiere che ha scongiurato le più insidiose iniziative di Icardi e compagni.
Se è vero che sul vantaggio sembrava esagerato alzare sempre la difesa fino a centrocampo, nella ripresa giocare per mantenere il pareggio abbandonando completamente al gioco offensivo,
è stato un suicidio che ha permesso ai padroni di casa di arrivare al pareggio, anche in maniera facile.
Fatto stà che la Roma ha perso una grande occasione andando sotto negli scontri diretti contro l’Inter, vittoriosa all’andata e un pari al ritorno, cosa che alla fine può contare.
Tutto sommato il pari non è da buttar via, in una situazione normale, ma con la classifica che ha la Roma serviva una vittoria, anche per 0-1, per far muovere una classifica che lascia tutto
immutato e fa comprendere che la corsa alla zona Champions sarà cosa tra Roma e l’Inter e Lazio, le ultime due più avanti di tre punti attualmente in classifica (Roma e Lazio debbono recuperare
una gara, mercoledì prossimo).

Il pareggio di Vecino

DI FRANCESCO: BELLA ROMA PER 60/70 MINUTI

“Sicuramente abbiamo fatto un’ottima gara per 60-70 minuti, poi la squadra è calata fisicamente e non avevo grandi cambi in mezzo al campo vista la situazione.
Gerson aveva i crampi, El Shaarawy pure e questo ha influito nelle scelte tattiche, ma dovevamo accorciare meglio in avanti. Peccato perché avevamo fatto benissimo
a sfruttare meglio il predominio di gioco nel primo tempo.
Se volete parlare di mercato non parlate con me, dovete parlare col direttore. Finché ho un giocatore per me gioca, Dzeko è un giocatore della Roma.
L’errore più grande è stato non accorciare più in avanti. Avevo questi giocatori a disposizione, ho cercato di dare più solidità.
Bisognava marcare Vecino, ma soprattutto dovevamo accorciare e l’Inter ci ha punito.
Se guardate i giocatori che avevo in panchina: o mettevo gli attaccanti, o due ragazzi della Primavera. Non cambio? Entro io che sono un centrocampista?
Gerson aveva i crampi, ho optato per questa scelta. Se lo porti a casa sei bravo altrimenti meno.
E’ chiaro che Radja rimanga qui. E’ stato fuori per il motivo che sapete, sono contento, oggi mi ha soddisfatto, poteva essere un pochino più incisivo, ma è un ottimo giocatore.

TABELLINO

INTER (4-2-3-1): Handanovic; Joao Cancelo, Skriniar, Miranda, Santon (32’ st Dalbert); Vecino, Gagliardini (1’ st Brozovic); Candreva (25’ st Eder), Borja Valero, Perisic; Icardi.
A disposizione: Padelli, Berni, Nagatomo, Ranocchia, D’Ambrosio, Lopez, Karamoh, Joao Mario, Pinamonti.
Allenatore: Spalletti
ROMA (4-3-3): Alisson; Florenzi, Manolas, Fazio, Kolarov; Pellegrini, Strootman, Nainggolan; Gerson (25’ st Bruno Peres), Dzeko (39’ st Schick), El Shaarawy (30’ st Juan Jesus).
A disposizione: Skorupski, Lobont, Emerson, Moreno, Nura, Under, Antonucci, Defrel.
Allenatore: Di Francesco
Arbitro: Massa
Assistenti: Meli-Costanzo
IV Ufficiale: Banti
VAR: Damato
AVAR: Vuoto
Marcatori: 31’ El Shaarawy, 86’ Vecino
Ammoniti: Perisic, Joao Cancelo
Angoli: 6-5 per l’Inter
Recupero: pt 0′, st 4′

SUPERCOPPA PRIMAVERA ALL’INTER

Finale di Supercoppa Primavera quella andata in scena al Meazza di Milano tra la Roma, detentrice del trofeo e vincitrice dell’ultima edizione della Coppa Italia, e l’Inter campione d’Italia in carica.
Al termine di 120 minuti davvero intensi e ben giocati da entrambe le squadre l’ha spuntata l’Inter.
Momentaccio nell’ambiente Roma dove non si riesce più a coniugare il verbo vincere.

NIENTE MERCATO PER LA ROMA
TESSERATO BAKARY JAITEH

Secondo le dichiarazioni del Ds Monchi la squadra giallorossa non avrà mercato in entrata, forse ci sarà uno smaltimento della rosa.
“Per operare sul mercato bisogna avere i soldi. Voi sapete la nostra situazione economica. Le soluzioni dobbiamo trovarle non nel mercato, ma dentro Trigoria”.
Intanto i giallorossi hanno tesserato il 18enne centrocampista Bakary Jaiteh che si allenava nelle giovanili della Lazio in attesa di una società che si accorgesse di lui.
Bakary è un ragazzo del 1999 che viene dal Gambia. La sua famiglia non era in sintonia con il governo che assunse il potere nel 1994, salvato per miracolo dall’annegamento
per merito del tempestivo intervento della Marina italiana, mentre era su un barcone alla deriva. Come caratteristiche tecniche è un centrocampista che ama proporsi
in fase offensiva.
Intanto dall’Inghilterra arriva un doppio interessamento per Emerson e Dzeko.
Per il primo sembra andare in porto la cessione su una base di 25 milioni.

MORTO ANGELILLO

È morto in ospedale a Siena il 5 gennaio Antonio Valentin Angelillo, ex attaccante di Inter, Roma e Milan, e primatista di reti segnate in un campionato di serie A a 18 squadre, con 33 gol.
Aveva 80 anni era nato a Buenos Aires il 5 settembre 1937, dopo aver giocato nel 1956 nel Boca Juniors e aver esordito in Coppa America vinta dall’Argentina grazie ai suoi golnel 1961-’62, passa dall’Inter alla Roma per 270 milioni, nonostante i richiami del Boca, pronto a riportarlo in Argentina. Nel 1962 debutta anche nella Nazionale italiana.
La Roma ha giocato contro l?inter a Milano con il lutto al braccio.

RISULTATI

ATALANTA-NAPOLI  0-1
UDINESE-SPAL  1-1
SASSUOLO-TORINO  1-1
BOLOGNA-BENEVENTO  3-0
LAZIO-CHIEVO  5-1
VERONA-CROTONE  0-3
SAMPDORIA-FIORENTINA  3-1
CAGLIARI-MILAN  1-2
INTER-ROMA  1-1
JUVENTUS-GENOA  1-0

CLASSIFICA SERIE A

  NAPOLI  54
  JUVENTUS  53
  LAZIO  43
  INTER  43
  ROMA  40
  SAMPDORIA  33
  MILAN  31
  ATALANTA  30
  TORINO  29
  UDINESE  29
  FIORENTINA  28
  BOLOGNA  27
  CHIEVO  22
  SASSUOLO  22
  GENOA  21
  CAGLIARI  20
  CROTONE  18
  SPAL  16
  VERONA  13
  BENEVENTO    7

Napoli campione d’inverno
Roma e Sampdoria, Udinese e Lazio
una gara in meno (si recupereranno il 24 gennaio 2018)

Write a Comment

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Shortcuts & Links

Search

Latest Posts