Essentials

Meta

Pages

Categories

Campionato: Atalanta-Roma 2-1

Tredicesima giornata del campionato di calcio serie A
Bergamo: Stadio Atleti azzurri d’Italia
Domenica 20 novembre ore 15,00
Atalanta-Roma 2-1

Perotti trasforma il rigore

Perotti trasforma il rigore

DA STRAVINTA A PERSA

Incredibile secondo tempo giocato dalla Roma che a Bergamo a mostrato due differenti facce.
Un primo tempo giocato bene da grande squadra e una catena interminabile di occasioni gettate al vento. Dopo il vantaggio la Roma ha seguitato a fallire reti.
La sosta dell’intervallo ha giocato un brutto scherzo a De Rossi e compagni che non hanno mai tirato in porta subendo prima un rocambolesco pareggio per poi perdere al 90′ su rigore causato dal neo entrato Paredes.

Il fallo di mano di Toloi

Il fallo di mano di Toloi

 IL PRIMO TEMPO LO TIMBRA PEROTTI

Un primo tempo dai due volti in cui la Roma affronta allo stadio Atleti azzurri d’Italia un’Atalanta in gran salute.
Gremito l’impianto in ogni ordine di posti,  con oltre millecinquecento tifosi giallorossi presenti in curva.
L’Atalanta sospinta dal suo pubblico inizia subito le danze mantenendo il boccino del gioco tra i suoi piedi, ma senza essere mai particolarmente pericolosa e senza impegnare mai il portiere capitolino.
La Roma si limita a controllare gli avversari che tengono bloccato Bruno Peres sulla destra e non lasciano chanches a Perotti a sinistra.
Dal 20′ le cose cambiano perchè sotto la spinta vocale e gestuaale di Spalletti i giocatori alzano il baricentro dellla squadra prevalendo nettamente a centrocampo e permettendo agli esterni di manovrare.
Gran lavoro di Dzeko che fà da raccordo tra attacco e centrocampo.
Poi succede quello che non ti aspetti. Salah per due volte è messo dai compagni in posizione di battere a rete.
La prima volta è troppo spostato sulla destra e la conclusione è facile per Berisha.
la seconda volta è il portiere nerazzurro ad avere la meglio in uscita con l’egiziano in solitaria, si fà irretire dall’ex laziale.

Schermata 2016-11-20 alle 17.34.57

RIGORE DI SALAH, PEROTTI LO TRASFORMA

Alla terza occasione Salah servito al bacio da Dzeko tira a botta sicura ma Toloi con il pugno respinge la sfera.
Rocchi (quello di Juventus-Roma), assegna il rigore ma non espelle il nerazzurro.
Dal dischetto Perotti parte al rallentatore e senza mai fermarsi aspetta la mossa del poriere che va a destra e lui lo infila nella stessa direzione, portando in vantaggio la Roma.
Ma non basta perchè la Roma ha un’altra grande occasione con salah che propabilmente credendosi in fuorigioco si presenta con gambe molli davanti a Berisha lasciandosi togliere la sfera.
Salah per la cronaca non era in off-side.

SECONDO TEMPO SENZA SCUSE

Cosa sia successo dopo l’intervallo sarà difficile a scoprirlo ma la Roma sotto un vero assedio atalantino che a sinistra ha fato il bello e cattivo tempo sotto la regia di Gomes, che alla fine ha preso anche il rigore della vittoria.
Fatà discutere l’aver rinunciato a Salah per far posto a El sharawy, ma sopratutto il fatto che la Roma sotto la spinta nerazzurra si sia abbassata fino a ritrovardsi a difendere dentro l’area e subendo continui pericoli sulla parte destra della sua difesa.
La Roma è sembrata stanca e senza idee troppo spesso in balia dell’avversario col coltello fra i denti.
Purtroppo i giallorossi dimostrano che non riescono ad insidiare il percorso della Juventus e che dovranno tenere stretta la possibilità di arrivare in Champions league, vista la folta concorrenza che si fà avanti. Bisogna riprendere da questa sconfitta che fà male per come è venuta e che lascia tante polemiche aperte.

Schermata 2016-11-22 alle 11.07.39

BOMBE CARTA E PETARDI NELLA CURVA ROMANISTA

Dopo la sconfitta anche la bruttura di alcuni scalmanati che hanno trovato l’occasione per mostrare il peggio di se stessi.
Do0po il vantaggio romanista fumogeni e petardi sono esplosi così come dopo aver preso la rete della sconfitta.
certi episodi non fanno bene ad un riavvicinamento al dialogo per le barriere nella curva all’Olimpico.
Neppure le preghiere di De Rossi a sospendere certi atteggiamenti sono valse a poco.
Nel dopo-partita dopo una provocazione dei tifosi bergamaschi si sono sviluppati incidenti nel settore ospiti, con cariche della polizia.
Finchè certe “abitudini” non passeranno di moda, con le conseguenti pericolosità, sarà difficile creare un ambiente libero si ma sicuro e senza l’ombra delinquenziale.

SPALLETTI: SE SMETTI DI GIOCARE…

“Il discorso è che se smetti di giocare gli altri fanno il loro dovere, cioè si organizzano e cercano di fare gol. Nel primo tempo abbiamo fatto bene, giocando la palla. Nel secondo tempo questo non lo abbiamo fatto ed è maturato questo risultato pesante per noi.
O gestiamo tecnicamente la partita o, se si alza l’intensità della gara e la partita diventa più di lotta, concediamo qualcosa e perdiamo qualcosa.
Commettiamo qualche ingenuità, è una sconfitta che ci può stare.
E’ una nostra caratteristica, quando la gara diventa una mischia continua, abbassiamo la qualità e il rendimento. Già prima del rigore avevamo rischiato 2-3 volte. e di conseguenza è un risultato che bisogna accettare, perché l’ha determinato il nostro rendimento scostante.
Da una parte c’è si la qualità degli avversari, dall’altra però noi abbiamo abbassato il nostro livello.
Dovevamo poi sfruttare meglio le occasioni avute nel primo tempo. La partita ha sempre un racconto e questa volta ha detto che abbiamo fatto un passo indietro.
E’ vero che oggi abbiamo incontrato una squadra in salute, però se noi facciamo l’altra squadra altrettanto in salute, diventa difficile per loro.

TABELLINO

ATALANTA (3-4-3) Berisha; Toloi, Caldara, Zukanovic; Masiello (dal 5′ s.t. D’Alessandro), Kessie, Gagliardini, Spinazzola; Kurtic (dal 14′ s.t. Freuler), Petagna, Gomez (dal 47′ s.t. Raimondi).
A disposizione: Sportiello, Bassi, Stendardo, Migliaccio, Carmona, Grassi, Paloschi, Pesic, Pinilla
Allenatore: Gasperini.
ROMA (4-2-3-1) Szczesny; Peres, Manolas, Fazio, Rudiger, De Rossi, Strootman; Salah (dal 14′ s.t. El Shaarawy), Nainggolan (dal 41′ s.t. Iturbe), Perotti (dal 28′ s.t. Paredes); Dzeko.
A disposizione: Alisson, Crisanto, Juan Jesus, Emerson, Seck, Gerson
Allenatore: Spalletti.
Arbitro: Rocchi
Assistenti: Di Fiore e Peretti
IV Uomo: Meli
Addizionali: Irrati e Abisso
Marcatori:  40′ Perotti su rigore ; 56′  Caldara, 90′ Kessie
Spettatori 20.000.
Ammoniti: Toloi, Strootman, Dzeko
Angoli: 10-6 per l’Atalanta
Recupero: 1 primo tempo: 4′ secondo tempo

RISULTATI

 CHIEVO-CAGLIARI  1-0
 UDINESE-NAPOLI  1-2
 JUVENTUS-PESCARA  3-0
 SAMPDORIA-SASSUOLO  3-2
 ATALANTA-ROMA  2-1
 CROTONE-TORINO  0-2
 EMPOLI-FIORENTINA  0-4
 BOLOGNA-PALERMO  3-1
 LAZIO-GENOA  3-1
 MILAN-INTER

 CLASSIFICA SERIE A

 JUVENTUS  33
 ROMA  26
 MILAN  25
 ATALANTA  25
 LAZIO  25
 NAPOLI  24
 TORINO  22
 FIORENTINA  20
 CHIEVO  18
 SAMPDORIA  18
 INTER  17
 GENOA  16
 BOLOGNA  16
 CAGLIARI  16
 UDINESE  15
 SASSUOLO  13
 EMPOLI  10
 PESCARA  7
 PALERMO  6
 CROTONE  5

 

Write a Comment

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Shortcuts & Links

Search

Latest Posts