Essentials

Meta

Pages

Categories

Champions League: Real Madrid-Roma 2-0

Champions League
Ottavo di finale
Gara di ritorno
Martedi 8 marzo ore 20,45
Madrid: Stadio Bernabeu
Real Madrid-Roma 2-0

Dzeko inizia la serie degli errori

Dzeko inizia la serie degli errori

ROMA SCIUPONA-TRIBUTO A TOTTI
CON LA MOVIOLA  IN CAMPO RUOLI INVERTITI

Solo il punteggio penalizza la Roma all’interno dei 180 minuti di gioco. Dal punto di vista tattico e tecnico è la Roma che esce atesta alta e che può sinceramente mangiarsi le unghie per le tante occasioni create e sciupate.
Alla fine se ne contano ben cinque con l’attaccante che sbaglia davanti al portiere in quantità industriale.
Quanto successo inorgoglisce i tifosi giallorossi che, seppur amareggiati per l’ingiusta eliminazione, fanno salire al cielo l’urlo giallorosso che non è mai mancato fino al 90′ e oltre.
La serie della galleria dell’orrore sui sbagli dei giocatori giallorossi si apre con Dzeko e termina con Manolas inframmezzati dagli sbagli incredibili di Salah sfortunato solo sulle conclusioni.
E’ convinzione comune che la Roma tra le due squadre sia dal punto regolamentare (con la moviola in campo all’andata sarebbe stato il Madrid ad inseguire) che da quello tecnico sia stata la squadra che abbia di più meritato di passare il turno ed approdare ai quarti.
Pur non avendo un giocatore come Ronaldo, Spalletti ha disposto bene in campo la squadra con un buon assetto difensivo su cui si erge a baluardo Manolas, con un centrocampo dai piedi buoni, fino all’infortunio di Pjanic, e con contropiedi micidiali che hanno portato, come detto, almeno cinque occasioni da goal e un palo di Perotti nel fianle.

Salah si dispera dopo il gosl msncsto

Salah si dispera dopo il gosl msncsto

Poi a lungo andare con la squadra obbligatoriamente sbilanciata sono arrivate le due reti in tre minuti dei padroni di casa che hanno chiuso praticamente tutto l’interesse della partita.
I valori in campo non li fanno solo le cifre con cui il Real ha acquistato campioni galattici, la capacità individuale dei blancos è nettamente superiore a quella della Roma che è stata costruita con molti meno milioni di euro. Per fortuna non solo solo i soldi che vannoin campo e nel doppio confronto tanta superiorità economica e tecnica non si è vista, anzi, sopratutto al Santiago Bernabeu è stata la Roma ai punti quella che avrebbe meritato un destino migliore.
Da considerare inoltre il tributo che lo stadio madrileno ha riservato a Francesco Totti nel suo ingresso in campo. Tutti in piedi ad applaudire un campione mai domo mentre in campo gli avversari gli porgevano la mano congratulandosi.
E pensare che c’è ancora qualcuno che, invidiosamente, lo considera un fenomeno entro il raccordo anulare. O hanno spostato Madrid oppure l’invidia è una brutta malattia che fà vivere male chi ne è affetto.
La considerazione finale è doppiamente positiva perchè rivolta al futuro che se queste sono le premesse, con gli opportuni aggiustamenti, sarà sicuramente positivo, Madrid ne è stata una conferma.

Ronaldo aumenta la sua media goal

Ronaldo aumenta la sua media goal

 TABELLINO

Real Madrid (4-3-3): Navas; Danilo, Pepe, Sergio Ramos, Marcelo; Modric (30′ st Jesé), Casemiro (38′ st Kovacic), Kroos; James Rodriguez, Bale (16′ st Vazquez), Ronaldo.
A disposizione:  Casilla, Varane, Carvajal, Isco.
Allenatore:  Zidane
Roma (4-2-3-1): Szczesny; Florenzi, Manolas, Zukanovic, Digne; Keita (41′ st Maicon), Pjanic (1′ st Vainqueur); Salah, Perotti, El Shaarawy (29′ st Totti); Dzeko.
A disposizione De Sanctis, Castan, Torosidis, Iago Falque.
Allenatore: Spalletti
Arbitro: Marciniak (Polonia)
Assistenti: Sokolnicki-Listkiewicz
Arbitri addizionali: Raczkowski-Musiał.
Quarto ufficiale: Siejka.
Marcatori: 19′ st Ronaldo, 23′ st J. Rodriguez
Angoli: 10 a 6 per il Real Madrid
Recuperi: 1′ primo tempo; 3′ secondo tempo

 RUDIGER NON CONVOCATO PER INFORTUNIO

Dopo l’uscita dal campo contro la Fiorentina, Rudiger è stato sottoposto ad ulteriori accertamenti medici.
Come riporta il sito giallorosso, il difensore tedesco ha evidenziato una lesione muscolare di grado I del muscolo bicipite femorale della coscia destra.
Previste due settimane di stop che gli faranno saltare sicuramente le gare con il Real Madrid e con l’Udinese.
Un infortunio che priva la difesa capitolina di un difensore in gran forma.

Tutti a Madrid, settore ospiti esaurito

Tutti a Madrid, settore ospiti esaurito

PIU’ DI 2500 TIFOSI ROMANISTI A MADRID

C’è voglia di Roma, c’è voglia di Champions league. Sommate le due cose ecco inevitabile lo sbarco al Santiago Bernabeu di oltre 2500 tifosi romanisti che non vogliono perdersi la sfida galattica.
Il settori ospiti dello stadio è completamente esaurito in più molti sostenitori giallorossi hanno acquistato biglietti per altri settori dello stadio, per cui la cifra di 2500 è sicuramente la base di partenza.
Il buon momento della squadra giallorossa ha spinto la tifoseria a non mollare e il calore lo ha trasmesso alla squadra con la sua vicinanza.
Ammirevole l’attaccamento ai colori della capitale in una trasferta che sulla carta ha il destino segnato dopo l’immeritato ed ingiusto (per i torti arbitrali) 0-2 dell’andata all’Olimpico di Roma.

Il presidente FIFA Gianni Infantino

Il presidente FIFA Gianni Infantino

 FINALMENTE LA MOVIOLA IN CAMPO

Dopo che il calcio stava assumendo una piega più che ridicola con le decisioni di arbitri e guardialinee ribaltate dalle tv nel giro di pochi secondi, togliendo sempre più credibilità al gioco del calcio, ora saranno le telecamere ad aiutare arbitri e assistenti per risolvere in maniera pulita e inequivocabile  episodi dubbi quali fuorigioco, espulsioni e i calci di rigore.
La proposta nasce dal neo eletto presidente FIFA Infantino, accolta dall?international board che ricordo è l’unico istituto a poter effettuare riforme sul gioco del calcio.  Il presidente Infantino, dopo le lungaggini strumentali di Blatter ha dichiarato:” Credo che abbiamo adottato una decisione destinata a riscivere la storia del calcio dimostrando con i fatti che non siamo sordi ma che sappiamo ascoltare le esigenze dei tifosi, dei giocatori e del nostro sport.”

Vi saranno due anni di sperimentazione e se i riscontri avranno il risultato sperato, allora la tecnologia applicata al calcio sarà introdotta ufficialmente.
Il primo torneo con la moviola sarà Euro 2020. Tanti i Paesi che hanno dato l’ok alla sperimentazione e tra questi anche l’Italia con la serie B che si candida da subito a proporre la tecnologia a servizio dei direttori di gara. A questo punto mandaiamo a casa anche gli addizionali d’area che non servono più in quanto il loro compito è superato dall’occhio elettronico che. a differenza di quello umano (la goal tecnology ne è un esempio) è infallibile. Speriamo ora che qualcuno non sbagli ad interpretare la moviola, sarebbe veramente la fine.

 

Write a Comment

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Shortcuts & Links

Search

Latest Posts