Essentials

Meta

Pages

Categories

Campionato: Roma-Fiorentina 4-1

Ventottema giornata campionato italiano di calcio
Stagione 2015-16
Venerdi 4 marzo 2016 ore 20,45
Roma-Stadio Olimpico
Roma-Fiorentina 4-1

Salah superstar

Salah superstar

Abbracci e feste Roma

Abbracci e feste Roma

QUADERNA PER L’EUROPA

Roma-Fiorentina, le due squadre terze in classifica a confronto, dopo che all’andata i giallorossi si erano imposti per 1-2.
La gara difficile per i giallorossi che già in apertura pesano la forza della Fiorentina che inizia bene l’incontro.
Il tempo di prendere le misure e la squadra di Spalletti inizia a macinare il gioco, mettendo in difficoltà sul piano della velocità gli avversari che dalla cintola in su sono squadra forte e determinata, vulnerabili però se attaccati in contropiede.

El Shaarawy apre le marcature

El Shaarawy apre le marcature

Ccol tridente leggero di Spalletti la Roma prende quota e quando Salah mette in mezzo una palla col contagiri per El Sharaawy questo non si fà pregare per infilare la porta viola facendo arrossire di rabbia Galliani Berlusconi e i tifosi milanisti.
Sul vantaggio della Roma ad inizio di azione c’è un piede di Salah in fuorigioco, ma quando le situazioni sono al limite i segnalinee se non hanno certezza debbono tenere bassa la Fiorentina.

Tiro di Salah deviato da Astori fà 2-0

Tiro di Salah deviato da Astori fà 2-0

ANCORA SALAH VIOLA DI RABBIA

I viola cercano di recuperare lo svantaggio ma solo dopo tre minuti la Roma raddoppia.
Salah trova un tiro da fuori area deviato dall’ex di Astori e trova l’angolo giusto alla destra del portiere viola immobile tra i pali.
El Shaarawy quando non segna è bravo anche nel confezionare assist.
La Fiorentina è viola di rabbia, proprio il loro ex, a livello societario conteso con un lungo contenzioso contro la Roma, decide il doppio confronto a favore dei giallorossi. Grazie a lui e alla Roma adesso la Roma è in vantaggio contro i viola anche nei confronti diretti, per cui i tre di vantaggio diventano quattro in caso di arrivo a pari merito.

Perotti fà il tris

Perotti fà il tris

Perotti in goal soddisfattissimo

Perotti in goal soddisfattissimo

PEROTTI NON MANCA ALL’APPELLO

Sulle ali dell’entusiasmo la Roma cala il tris, che porta la firma di Diego Perotti al 35′. L’ex Genoano sfrutta un altro decisivo assist di El Shaarawy, partito in contropiede sulla sinistra. Lo stadio olimpico è in delirioe la Roma sembra volare.
E’ il momento peggiore per i viola che accusano il colpo e subiscono il pressing vincente dei padroni di casa.
In quest’occasione le conclusioni capitoline non sono precise anzi nel recupero del primo tempo Tello viene steso in area da Digne che regala in pratica un giusto rigore agli avversari. Trasforma dal dischetto Ilicic con freddezza e precisione.

4-1 Salah realizza la doppietta

4-1 Salah realizza la doppietta

NON C’E’ RIMONTA C’E’ SOLO SALAH

Quando si subiscono reti nei minuti finali del primo tempo solitamente la squadra che segna tende ad inizio ripresa a spingere per cercare la rete che potrebbe portare ad una rimonta clamorosa.
Spalletti non è Garcia e invece di vedere una Fiorentina arrembante si mette in luce una Roma vogliosa e che fa pressing su ogni impostazione di gioco dei viola.
Quando in possesso di palla i giallorossi abbassano il ritmo e fanno correre gli avversari con passaggi stretti e con aperture di campo improvvise, azioni che mettono a dura prova la lucidità degli ospiti.
Batti e ribatti la Roma cala il poker che ha odore di Champions. Salah lanciato in area da Pjanic, fa passare la sfera sotto le gambe di  Tatarusanu con un tunnel preciso.

Abbracci a Salah

Abbracci a Salah

E’ il delirio per i tifosi romanisti che applaudono la squadra dei sogni che raggiunge anche facilmente la settima vittoria consecutiva.
Visibilmente contento il presidente Pallotta che insieme a Tempestilli ha vissuto e incitato i suoi giocatori che aveva incontrato poco prima della gara. Per la cronaca il presidente era sceso in campo per salutare i tifosi giallorossi.

TOTTI COLPISCE IL PALO

L’entrata in campo di Totti è una festa sugli spalti, gli applausi coinvolgono sia l’uscita di Salah che l’ingresso del capitano che offre alcuni numeri di alta scuola prima di cimentarsi al 90′ con una punizione centrale, conquistata dallo stesso capitano.
Il n. 10 offre alla platea un tiro a giro che sembra entrare ma incoccia sul palo (il secondo della serata) e termina sul fondo. L’Olimpico è in festa e Spalletti in piedi applaude Francesco Totti una leggenda in giallorosso.

El Shaarawy goleador e assist man

El Shaarawy goleador e assist man

CLASSIFICA ALLETTANTE  CALENDARIO DIFFICILE

La vittoria della Roma nel confronto diretto contro la Fiorentina lascia i viola a meno tre ma, guardando avanti, il Napoli a meno due (prima dell’incontro col Chievo), la Juventus a meno cinque e almeno per una notte i giallorossi sognano posizioni migliori e pensare che prima di Spalletti il terzo posto sembrava quasi impossibile da raggiungere, sopratutto per le prestazioni messe in atto dai giallorossi.
Tornando con i piedi in terra i giallorossi guardando il calendario hanno le gare più difficili rispetto alle concorrenti, la speranza è che la squadra tenga e allora gli ostacoli si superano speditamente.

PALLOTTA SODDISFATTO

Visibilmente soddisfatto il presidente Pallotta che ha dichiarato al termine di Roma-Fiorentina:” Molto bene ma non solo questa sera. È una squadra che gioca insieme in maniera compatta. Oggi 4-1: delusi per il rigore ma siamo rientrati e abbiamo segnato un altro gol. Spalletti sta facendo un lavoro straordinario.
Sono state sei settimane straordinarie, certo che amo El Shaarawy, in particolare i capelli.
Il motivo per cui la squadra segna è che si muovono tutti in sincronia. Il merito è della squadra, di Perotti ad esempio. Anche Nainggolan e Pjanic sono stati bravi così come Rüdiger e Digne.
Il merito è del collettivo, contro il Real la squadra si è espressa bene nonostante alcune chiamate dubbie.
Siamo stati sfortunati, sono stato molto orgoglioso della squadra. Possiamo fare bene al ritorno, abbiamo fatto 4 gol oggi e non vedo perché non potremmo farne qualcuno a Madrid”.

Ennio Morricone

Ennio Morricone

RICORDO PER MORRICONE PREMIO OSCAR

Grazie alla composizione della colonna sonora di “The Hateful Eight”, Ennio Morricone ha ricevuto il secondo Premio Oscar della sua carriera.
il primo per una nomination vinta. Il grande compositore romano e grande tifoso romanista, nel pre-partita di Roma-Fiorentina ha ricevuto gloria dagli altoparlanti dell’Olimpico, con sonori applausi che i tifosi tributano all’artista.
Sicuramente l’anziano compositore avrà gradito al pari dell’Oscar gli applausi della sua gente giallorossa.

Schermata 2014-09-19 alle 11.50.13

TUTTI ALLO STADIO

Questo era il grido della curva sud non molto tempo fà, ora che le cose sono cambiate e ci si interroga sui perchè, se sia giusta o meno la decisione di stare fuori contravvenendo a tutti i proclami i cori le canzoni del recente passato che parlavano di andare tutti allo stadio, di avere la Roma nel cuore, di non lasciarla mai sola ecc.
Per qunato sia anche giusta per alcuni versi la protesta anch’essa deve avere un inizio e una fine. E’ controproducente essere assenti nelle gare decisive della squadra, quella squadra che tanti non volevano mai lasciare sola.
Restano quindi dubbi e perplessità sui veri motivi della protesta, siamo sicuri che non si nascondi qualcosa dietro queste assenze?
Perchè non ci spegano anche per quale motivo certe misure sono state adottate principalmente a Roma? Forse perchè rivoltosi anti istituzionali si nascondono nelle curve? Perchè gli assalti alle forze dell’ordine partono dalla capitale? C’è questo dietro?
a morte di Ciro Esposito è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso?
In ogni caso andrebbero fermati i responsabili che rappresentano in toto una minoranza. e non un settore al completo Mistero, misteri.

Spalletti sta plasmando una grande Roma

Spalletti si rivolge alla tifoseria

In questo contesto le parole di Spalletti rivolte alla curva e alla tifoseria ” Se non andiamo venerdì a vedere questa partita, se non teniamo a questa partita, può nascere il dubbio che si anteponga qualcos’altro alla Roma. La Roma è importante come la famiglia, tutte le altre cose vengono dopo. Bisogna creare una solidità mentale dove le altre cose non possono essere messe al pari.
Tutti quelli che parlano di questo amore profondo, di questo tatuaggio infinito che si ha nel cuore, ora è il momento di dimostrarlo”.
L’invito riceve  risposta con uno striscione apposto nei pressi del Colosseo ““Sei vittorie non ci fanno cambiare. Spalletti lei pensi ad allenare”. Anche gli autori dello striscione restano ignoti e non si sà chi rappresentino.
Ultimamente una parte del fronte assenti si è rotto e molti tifosi sembrerebbe vogliano tornare a sostenere la squadra. Il muro contro muro con le istituzioni calcistiche e civili penalizza solo la Roma, ma si vuole aiutare veramente la squadra della nostra città gladiatoria o passiamo la mano, lasciando campo agli avversari?
A lungo andare va in scena il più classico degli autogoal.  Sveglia la Roma è la squadra della nostra città per lei si “superano gli ostacoli, si superano i Kilometri con la Roma in fondo al cuore e si superano anche le barriere.
Forza tifosi veri e forza Roma.

PRESIDENTE PALLOTTA A TRIGORIA

E’ arrivato martedi 1 marzo il presidente Pallotta al centro sportivo di Trigoria e come primo saluto lo ha riservato al capitano Francesco Totti.
Molte le situazioni in sospeso che il numero uno giallorosso dovrà sistemare. Tra queste il bilancio dove si registra un rosso di  poco meno di 4 milioni, ma il dato, anche se peggiorato, non preoccupa
La società rispetta il Fair Play Finanziario della Uefa dovendo inserire nel bilancio gli introiti della cessione di Gervinho (19 milioni di euro) e del passaggio agli ottavi di finale di Champions League

TABELLINO

Roma (4-3-3): Szczesny, Florenzi, Manolas, Rüdiger, Digne, Pjanic, Keita, Nainggolan, Salah (41′ st Dzeko), Perotti (17′ st Vainqueur), El Shaarawy (31′ st Totti).
A disposizione: De Sanctis, Zukanovic, Castan, Emerson, Strootman, Maicon, Torosidis, Iago Falque, Ucan.
Allenatore: Spalletti
Fiorentina (4-2-3-1): Tatarusanu, Roncagli, Rodriguez, Astori, Alonso, Vecino (34′ pt Badelj), Tino Costa, Bernardeschi, Borja Valero (29′ pt Tello), Ilicic (23′ st Mati Fernandez); Kalinic
A disposizione: Lezzerini, Tomovic, Pasqual, Kone, Satalino, Blaszczykowski, Babacar.
Allenatore: Sousa
Arbitro: Irrati
Assistenti: Di Liberatore-Tonolini
IV Assistente: Padovan
Addizionali d’area: Guida-Celi
Marcatori: 22′ El Shaarawy, 25′  Salah, 38′ Perotti, 48′ p-t. rig. Ilicic , 58′ Salah
Ammoniti: Badelj, Bernardeschi, Tino Costa, Salah, Pjanic, Nainggolan
Spettatori paganti 12.402,
Incasso:  686.234 euro.
Abbonati 23.861, quota di 578.879 euro.
Recuperi: 2′ primo tempo-2′ secondo tempo

 

Write a Comment

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Shortcuts & Links

Search

Latest Posts