Essentials

Meta

Pages

Categories

Campionato: Roma-Udinese 2-1

Trentaseiesima  giornata di campionato
Stagione 2014-2015
Domenica 17 maggio 2015
Roma: Stadio Olimpico ore 20,45
Roma-Udinese 2-1

Nainggolan acciuffa il pareggio

Nainggolan acciuffa il pareggio

CUORE PALI TRAVERSE E TRE PUNTI LA ROMA RESTA SECONDA

Nella partita in cui la paura in casa giallorossa ha avuto il sopravvento,gli uomini di Garcia sono riusciti a vincere una gara che aveva un solo risultato per la Roma. La squdra ha messo il cuore dopo lo scivolone iniziale con lo spettro di poter lasciare a due giornate di anticipo il sogno europeo. Nainggolan e Torosidis hanno ribaltato la rete iniziale di Perica ma la strada non è stata propriamente in discesa. L’Udinese non ha regalato nulla e ci ha provato fino alla fine. La Roma non è stata fortunata frastornata da pali e traverse nel finale si è temuta la “gufata” avversaria che in alcune occasioni è stata decisiva. Bando agli scherzi, l’importante in questa occasione era la vittoria e vittoria è stata. Roma-Udinese terz’ultima di campionato, non ha mostrato un gioco brillante, anzi i padroni di casa sono apparsi confusionari ed impauriti dalla possibilità di non raggiungere l’obiettivo. In ogni caso parlare di bel gioco in questi momenti non è essenziale, giocare per un solo risultato non è facile, il nervosismo è valso qualche cartellino giallo evitabile e sopratutto qualche errore che poteva costare veramente caro.
Alla fine dopo la grande paura tutto si è ribaltato, la vittoria finale lascia la Roma al secondo posto sopra la Lazio, e nel derby i giallorossi hanno la possibilità di poter sfruttare due risultati su tre. Poi all’ultima giornata arriva all’Olimpico un Palermo che i tifosi sperano in stile balneare visto che non ha più niente da chiedere al campionato.

Nainggolan ancora il migliore della Roma

Nainggolan ancora il migliore della Roma

UNA DOCCIA GELATA POI LA RETE DI NAINGGOLAN

Quando la palla calciata da Perica varca la linea di porta sotto la curva sud, con De Sanctis inpossibilitato ad intervenire, i tifosi romanisti subiscono una doccia gelata che getta nello sconforto. La squadra di Garcia che ha iniziato spingendo sull’acceleratore, alla prima azione friulana in avanti si scioglie come neve al sole. Questa volta la responsabilità è di Manolas che commette un errore grave in zona pericolosa e che la squadra giallorossa paga a caro prezzo.
Se la spinta capitolina era potente dall’inizio, dopo lo svantaggio si fà rabbiosa. Carnesis si esalta su una punizione di Totti che beffa la barriera, ed è protagonista su Ibarbo. Si gioca nella metà campo friulana e le ripartenze ospiti si svolgono in autentiche praterie, i giallorossi sembrano aver dimenticato come ci si difende. Squadra votata solo all’attacco e Udinese con nove/dieci undicesimi a protezione della propria area di rigore.
Batti e ribatti alla fine,  dopo che i friulani hanno sfiorato lo 0-2 con Allan che sbaglia completamente l’ultimo passaggio per Thereau, Pjanic sul fondo si smarca, serve Totti che mette una palla al bacio a  centro area, Nainggolan infila sotto misura Karnesis e riporta in parità la gara. Un altro errore difensivo al 46′ vede la punizione di  Guilherme scheggiare la traversa. Tutti negli spogliatoi con una maggiore tranquillità per il pareggio ritrovato.

Torosidis una rete da tre punti

Torosidis una rete da tre punti

TOROSIDIS REALIZZA LA RETE DA TRE PUNTI

Una dabbenaggine difensiva aveva portato in rete l’Udinese per il goal iniziale. Una dabbenaggine dei friulani in area piccola lancia la Roma alla vittoria della partita. A risolvere il mistero in area bianconera ci sono diversi attori greci. Torosidis ci mette il piede che permette di battere ill portiere Karnezis. La rete sotto la curva sud apre il cuore dei tifosi che soffrono e spingono la squadra verso la terza rete che il palo di Nainggolan e la traversa di Holebas negano. Quattro minuti di recupero con qualche altra incertezza in area giallorossa risolta a fatica. Alla fine Ibarbo mantiene la palla nella metà campo friulana ed arriva il tanto atteso fischio finale che decreta la vittoria capitolina. Ora arriva il derby in casa Lazio, una gara ad alta tensione emotiva con i biancocelesti che debbono per forza vincere per superare la Roma e portarsi al secondo posto.

Schermata 2015-05-17 alle 23.57.06

GARCIA: Qquando dobbiamo vincere bisogna spingere in attacco. Normale che prendiamo dei rischi sul piano difensivo. I giocatori sono stati bravi, ma abbiamo regalato un gol. Quest’anno troppe volte è successo e dobbiamo sistemarlo. Grande personalità della squadra, l’’abbiamo avuta tutto l’anno e ci servirà anche la prossima partita. Sarà una partita di preliminari Champions. La prossima gara è il derby, andiamo per vincere. Siamo secondi con un punto in più. La pressione sarà su di loro, perché non possono sbagliare. Abbiamo preso due pali e il loro portiere ha fatto bene,  abbiamo preso i tre punti e solo quello contava. Ora prepariamo al meglio la prossima partita. Dopo il gol i ragazzi erano pronti a ripartire. Può succedere di prendere un gol così e siamo stati bravi a ribaltare la situazione. I leader sono fondamentali in campo e Totti lo è. Ci aspettavamo un Udinese tutta indietro perché è una rosa con molta qualità in contropiede. Oggi gli mancava Di Natale che è molto importante per loro. Noi non dobbiamo perdere dei palloni che possono concedere delle ripartenze. Sia Manolas che Torosidis dopo gli errori hanno giocato bene. IIl derby al lunedì? C’è un regolamento e va rispettato e la gara dovrebbe essere domenica, ma noi possiamo giocare lunedì, martedì e quando volete voi. Noi giochiamo per vincere sempre. Ci siamo presi i rischi giusti, pressando alto. Sarebbe meglio non regalare niente nel futuro prossimo. Il vantaggio in classifica ci dà d.ue vantaggi su tre, ma un derby si vince e basta. Iturbe è molto giovane e questo è un vantaggio importante per lui e per noi. Sono sicuro che farà due grandi gare e ci aiuterà a conquistare questa Champions League. La base di Manuel è che dà sempre tutto, lui non deve fare le cose in fretta e deve essere tecnicamente più lucido.

Stagione finita per Gervinho dopo l'infortunio

Stagione finita per Gervinho dopo l’infortunio

GERVINHO STAGIONE CONCLUSA

Uscito al 30′ in Roma-Milan per infortunio muscolare, Gervinho si è successivamente siìottoposto ai dovuti accertamenti che hanno evidenziato un problema muscolare riguardante il flessore della  coscia destra. Si tratterebbe di una ricaduta, visto che aveva già avuto problemi allo stesso muscolo . Dopo l’infortunio si prevedono lunghi tempi per la completa guarigione. Questo comporta che la stagione per l’ivoriano praticamente si è conclusa. Infortunio a parte la Roma avrebbe ricevuto un’offerta di 14 milioni di euro per l’ivoriano. L’accattivante offerta arriva dall’Al-Jazira, squadra degli Emirati Arabi Uniti, dove gioca Mirko Vucinic.  Gervinho in giallorosso ha giocato 71 partite e segnato 19 gol.

Le preoccupazioni di Sabatini

Le preoccupazioni di Sabatini

SABATINI RIFLETTE DOPO IL K.o.

Scende in campo il d.s. della Roma Walter Sabatini e lo fà come sempre quanto il momento è estremamente negativo. Queste le dichiarazioni dopo la bruciante sconfitta con il Milan che crea preoccupazione per l’approdo in un posto in Champions league: “Nessuno si aspettava una sconfitta, credo neppure i calciatori, che pure potevano invertire la tendenza dentro il campo. Avevamo anche iniziato discretamente: questo avrebbe dovuto darci euforia, invece ha prodotto l’effetto contrario, a parte le contromisure che ha preso il Milan. Ma è stato un episodio grave su cui dobbiamo riflettere tutti. Ci fidiamo della nostra squadra e dei nostri calciatori: adesso devono raccogliere le idee ed essere consapevoli che non possiamo commettere più passi falsi contro tre grandi avversari, quindi è una situazione di assoluta emergenza, da vivere con intelligenza. In campo c’erano un paio di giocatori che non stavano benissimo, tant’è che Gervinho è affievolito a poco a poco e ha dovuto chiedere il cambio, Pjanic era in una situazione precaria, quindi si sono affacciati questi problemi contingenti, che però una squadra di calcio deve sapere affrontare, perché parliamo di giocatori importanti. Non deve essere minimamente una giustificazione, perché la gara col Milan non la dovevamo mai e poi mai perdere.
Siamo tornati indietro, in maniera del tutto inaspettata. La squadra aveva dato segnali di ripresa, questa sera non è successo nel primo tempo. Meglio nel secondo, ma dovevamo farlo dall’inizio. Una sconfitta gravissima che ci complica il cammino. Tutti a partire dai calciatori dobbiamo dare di più per l’obiettivo Champions. Non ci spieghiamo i cali della squadra, sono situazione impreviste. La squadra è entrata per vincere, ma le risposte sono state mediocri. Ora sono tre partite e tutte da vincere. Giocare a San Siro deve esaltare i giocatori, ma è successo solo parzialmente e nel finale di stagione. Abbiamo ribadito voglia di fare calcio, poi siamo caduti indietro per poi riprenderci un po’. Oggi però prestazione inquietante”

La palla in rete la Roma ha vinto ed è seconda

La palla in rete la Roma ha vinto ed è seconda

TABELLINO

ROMA (4-3-3) De Sanctis; Torosidis, Manolas, Yanga-Mbiwa, Holebas; Pjanic (dal 42′ s.t. Ljajic), De Rossi, Nainggolan; Iturbe (dal 37′ s.t. Doumbia), Totti (dal 30′ s.t. Keita), Ibarbo.
A disposizione: Skorupski, Cole, Balzaretti, Astori, Spolli, Ucan, Paredes, Verde, Sanabria
All. Garcia
UDINESE (4-3-1-2) Karnezis; Widmer, Heurtaux, Danilo, Piris; Allan, Pinzi (dal 28′ s.t. B. Fernandes), Badu; Guilherme (dal 37′ s.t. Geijo); Perica (dal 21′ st Kone), Thereau.
A disposizione: Scuf­fet, Meret, Bub­n­jic, Domizzi, Neu­ton, Gui­lher­me, Ga­briel Silva, Pa­squa­le, Aguir­re.
Allenatore: Stramaccioni.
Spettatori: 8.066, abbonati 27.654,
Incasso:  396.916 euro, quota 603.989 euro.
Ammoniti: Piris, Heurthaux, Ljajic, Nainggolan
Arbitro: Banti
Assistenti: Tonolini -Crispo
Qquarto ufficiale: Petrella
Addizionali d’area: Orsato e Di Paolo
Marcatori: 19′ Perica,, 45′ Nainggolan, 65′ Torosidis

I RISULTATI

INTER-JUVENTUS 1-2
SAMPDORIA-LAZIO 0-1
SASSUOLO-MILAN 3-2
CAGLIARI-PALERMO 0-1
TORINO-CHIEVO 2-0
ATALANTA-GENOA 1-4
VERONA-EMPOLI 2-1
ROMA-UDINESE 2-1
FIORENTINA-PARMA  3-0
NAPOLI-CESENA  3-2

Retrocedono matematicamente in serie B Cagliari, Cesena e Parma

CLASSIFICA SERIE A

 JUVENTUS 83
 ROMA 67
 LAZIO 66
 NAPOLI 63
 FIORENTINA 58
 GENOA 56
 SAMPDORIA 54
 INTER 52
 TORINO 51
 PALERMO 48
 MILAN 46
 VERONA 44
 SASSUOLO 43
 CHIEVO 42
 UDINESE 41
 EMPOLI 41
 ATALANTA 36
 CAGLIARI 28
 CESENA 24
 PARMA 7punti penalizz. 17

Write a Comment

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Shortcuts & Links

Search

Latest Posts