Essentials

Meta

Pages

Categories

Campionato: Milan-Roma 2-1

Trentacinquesima  giornata di campionato
Stagione 2014-2015
Sabato 9 maggio 2015
Milano: Stadio Meazza ore 20,45
Milan-Roma 2-1

Totti trasforma il rigore

Totti trasforma il rigore

HERNANES LASCIA LA ROMA AL SECONDO POSTO

Una sconfitta difficile da pronosticare alla vigilia per le cattive condizioni in cui versa il Milan in una stagione difficile e con assenze importanti. Eppure una Roma formato croce rossa è riuscita a perdere contro i rossoneri ben cinque punti in palio nelle due sfide. Quelli più pesanti da digerire proprio nella gara al Meazza dove una Roma in formato amichevole esce clamorosamente sconfitta giocando meno di mezz’ora in totale. Fuori giri anche il tecnico Garcia che anche a Milano scieglie di lasciare fuori Totti per poi proporlo quando ormai i giochi sono fatti. Eppure Totti nei pochi minuti in campo illumina la scena segna il rigore della speranza e regala al pubblico milanese giocate da fuoriclasse. Totti è l’unico avversario applaudito nel tempio del Milan. La sconfitta dei giallorossi, a tre giornate dalla fine del campionato, poteva essere letale invece i risultati delle concorrenti sono stati oltremodo favorevoli. L’Inter vonce all’Olimpico contro la Lazio (in nove uomini) e lascia i biancocelesti al terzo posto sotto la Roma. Il Napoli sul campo del Parma già matematicamente retrocesso deve inseguire per due volte i padroni di casa ed accontentarsi del pareggio che lascia a meno quattro punti il divario dalla Roma. Ebbene la Roma nonostante la sconfitta guadagna altri novanta minuti di campionato ed ora ne mancano solo 270 alla fine ed è ancora seconda.

Milan-Roma 1-0 Van Ginkel

Milan-Roma 1-0 Van Ginkel

MANOVRA LENTA GIOCO SCONTATO

La prestazione di Milano mette in evidenza come la Roma invece di entrare in campo col coltello fra i denti per difendere il secondo posto contro una squadra che ha solo orgoglio, mette in mostra un gioco compassato, manovra lenta e partita che non decolla. La Roma si fà sotto nei primi dieci minuti, qualche accelerazione di Gervinho che lascerà per infortunio, e il palo di Manolas su azione di calcio d’angolo. Quando il Milan trova la rete grazie ad un Pjanic che non copre e una difesa colpevolmente in ritardo, la Roma crolla psicologicamente ed il Milan rallenta ad arte le azioni guadagnando tempo prezioso fino al goal dell’ex Destro che trova ancora una difesa incerta.
Per riaccendere la Roma servono gli inserimenti di Iturbe e sopratutto di Totti che danno nuova linfa alla manovra giallorossa. Iturbe con grande velocità, Totti che aggiunge fantasia e tocchi magici che servono solo a dimezzare lo svantaggio, dopo il patatrack precedente. Male Ljajic che subentrato all’infortunato Gervinho non convince seguita a dribblare all’infinito e non è utile al gioco di squadra. Peccato per la quinta sconfitta stagionale (la seconda a Milano quest’anno) con i giallorossi che potevano essere arbitri del proprio destino dopo aver ritrovato il secondo posto. Si complica il cammino dei giallorossi anche se avrà da dissputare le ultime tre partite all’Olimpico con Udinese, derby in casa Lazio e chiusura col Palermo. I giochi sono ancora da fare ma la preoccupazione monta e la Roma non lascia tranquilli i propri tifosi.
L’unico romanista a salvarsi in campo è Francesco Totti che ha realizzato il suo ottavo goal al Milan. In totale Totti con il rigore al Milan ha realizzato la sua rete n. 298 in carriera. Per il capitano è la settima rete in questo campionato.

La rete di Destro

La rete di Destro

Garcia e le sue responsabilità

Garcia e le sue responsabilità

GARCIA: “Alla fine della partita ho visto i miei giocatori chiedere all’arbitro perché mancassero 30 secondi alla fine ma noi abbiamo perso un’ora di gioco. A parte che abbiamo iniziato bene i primi dieci minuti di gioco abbiamo colpito il palo abbiamo avuto delle occasioni ma poi siamo caduti in un falso ritmo e abbiamo giocato a un ritmo troppo basso per una partita di questa importanza Devo fare in modo che la rosa reagisca perché forse non hanno capito che rimangono poche partite e la strada giusta era quella delle ultime due partite e non di quella di stasera. Arriviamo da due vittorie buone, ma oggi ci siamo addormentati perché ci hanno lasciato il possesso. Noi abbiamo fatto anche dei regalia centrocampo perdendo dei palloni che non andavano persi. Abbiamo tre centrocampisti di ottimo livello e per loro è vietato perdere la palla. Bisogna fare anche buone scelte per difendere cosa che non è successa nelle occasioni dei gol. Una squadra che vince due partite poteva giocare anche oggi. Chi entra deve dare sempre il massimo come hanno fatto Totti e Iturbe. Il problema non è la formazione iniziale, ma l’atteggiamento. L’errore di un singolo può capitare, anche se abbiamo giocatori che hanno qualità per non perdere il pallone e per costruire. E’ più un fatto di capire che se andiamo sotto ritmo è più facile per gli altri e non mostriamo la voglia fino alla fine della stagione. Ora abbiamo tre finali da giocare ma da giocare con alto ritmo per avere chances di vittoria. Abbiamo lasciato il Milan attaccare sulle fasce con i terzini e forse vuol dire che anche i nostri attaccanti non hanno fatto bene sul piano difensivo. Era chiaro di difendere in due con le fasce e anche questo non abbiamo fatto bene.”

IL NAPOLI NON MORDE SOLO UN PARI LA LAZIO CROLLA

Alle spalle della Roma il Napoli getta al vento la sua ennesima opportunità per avvicinare la Roma e portarsi a meno due punti. La gara col Parma ultimo in classifica aveva un pronostico netto, vittoria del Napoli! Sul campo le cose non sono andate come il pronostico indicava. I gialloblù padroni di casa sono andati per ben due volte in vantaggio e raggiunti nella ripresa. Sterile l’assalto finale degli ospiti che non vanno oltre il pareggoio e guadagnano un solo punto sulla Roma restando a meno quattro dai giallorossi in classifica. La Roma in questo caso è fortunata anche se il Parma che ha fermato il Napoli in casa aveva fermato anche la Roma all’Olimpico. Ora la Roma ha tre gare da disputare all’Olimpico mentre il Napoli avrà lo scontro diretto con la Lazio all’ultima giornata. Nel posticipo domenicale va registrato il tracollo interno della Lazio che perde due uomini per espulsione e la partita per 1-2. Dopo questa giornata la Roma conserva il secondo posto in classifica.

FAIR PLAY FINANZIARIO: COMUNICATO

La Uefa ha emesso il il verdetto su Roma e Inter, in merito al mancato rispetto del fair play finanziario. Per la Roma 6 milioni di multa di cui due da pagare subito e quattro soggetti a condizionale, e una rosa Uefa ridotta da 25 a 22 giocatori per la prossima stagione. La restrizione sarà ridotta dalla stagione 2016/17 se i giallorossi rispetteranno i ‘paletti’ finanziari imposti dalle nuove regole. Per le prossime due stagioni il club giallorosso non dovrà avere un deficit complessivo superiore ai 30 milioni.
Questo il comunicato ufficiale della AS Roma, sulle sanzioni concordate con l’Uefa: “In data odierna, AS Roma e UEFA hanno concluso un accordo transattivo riguardante il rispetto del Fair Play Finanziario. L’accordo si è reso necessario a causa di una storica deviazione dal requisito del pareggio di bilancio imposto dalla UEFA, derivante da perdite economiche accumulate in passato nonché da una difficile situazione finanziaria del club antecedente all’acquisizione da parte dell’attuale proprietà. L’accordo è il frutto di diversi mesi di dialogo con la UEFA durante i quali sono stati riconosciuti i significativi risultati conseguiti dentro e fuori del campo. L’accordo consente al Club di proseguire con fiducia nella realizzazione del proprio business plan strategico, mirato alla crescita in ogni area. AS Roma rinnova il proprio sostegno al Fair Play Finanziario ed è orgogliosa di fungere da modello di nuova gestione nel calcio per le nuove proprietà, in particolare per quelle che acquisiscono club che versano in situazioni difficili”.

LA ROMA TORNA AL TRE FONTANE

Lì dove Liedholm e i suoi ragazzi costruirono lo scudetto, sui campi del tre fontane all’Eur, ora vi ritorna la Roma in un impianto completamente rinnovato che ospiterà le squadre giovanili dei giallorossi a partire dalla compagine  della Primavera, che verrà affiancata degli Allievi e dei Giovanissimi. La sede è comunque provvisoria e servirà per il periodo necessario alla costruzione del nuovo stadio che dovrebbe alla fine ospitare tutta la famiglia giallorossa. Dal passato glorioso un augurio per i giovani giallorossi per un futuro importante.

DOUMBIA NESSUNA LESIONE

Doumbia che era uscito contro il Genoa per un risentimento  al flessore della coscia sinistra. Lo si apprende da un comunicato ufficiale della Roma sull’ivoriano: Doumbia ha effettuato in mattinata degli esami strumentali che non hanno evidenziato lesioni muscolari: l’attaccante ha già iniziato il suo percorso di recupero”. Garcia può tirare un sospiro di sollievo in un momento in cui l’attaccante giallorosso sembra essere entrato in forma e sopratutto negli schemi del tecnico.

DECISIONI DEL GIUDICE SPORTIVO

Queste alcune decisioni adottate dal giudice sportivo al termine della quindicesima giornata del girone di ritorno: Daniele De Rossi è entrato in diffida a causa del cartellino giallo ricevuto nel match contro il Genoa, mentre la Roma ha subito una multa di 3000 euro per aver ritardato di tre minuti l’inizio della partita. De Sciglio del Milan ha ricevuto una giornata di squalifica e salterà la gara contro la Roma. Ammonizione con ammenda di 2000 euro a Vasilis Torosidis “per avere simulato di essere stato sottoposto ad intervento falloso in area di rigore avversaria”. Da questa decisione si evince come le decisioni nel calcio, senza l’occhio elettronico siano del tutto diverse dalla realtà dei fatti. Il giudice che deve attenersi al referto arbitrale non può sottrarsi a decisioni diverse da quelle prese dal direttore di gara anche se del tutto errate. Nel caso di Torosidis le immagini televisive hanno confermato che vi era un netto rigore a favore della Roma. Il giudice sportivo due giorni dopo non tiene conto della verità dimostrata e emette una sentenza dichiaratamente sbagliata. Quando si aggiorneranno? Perchè arrivano sempre in ritardo e seguitano a sbagliare? Un’altra figuraccia per la giustizia sportiva e per chi detiene il potere nel calcio.

TABELLINO

Milan (4-3-3): D. Lopez; Abate, Alex (40′ st Mexes), Paletta, Antonelli (22′ st Bocchetti); Poli, De Jong, Van Ginkel; Honda, Destro (29′ st Pazzini), Bonaventura.
A disposizione: Abbiati, Gori, Bonera, Mastalli, Modic, Zapata, Suso, Mastour.
Allenatore: Inzaghi
Roma (4-3-3): De Sanctis; Florenzi, Manolas, Astori, Torosidis; Pjanic (25′ st Totti), De Rossi, Nainggolan; Ibarbo (15′ st Iturbe), Doumbia, Gervinho (30′ Ljajic).
A disposizione.: Skorupski, Balzaretti, Spolli, Holebas, Yanga-Mbiwa, Cole, Paredes, S. Keita, Ucan.
Allenatore: Garcia
Arbitro: Tagliavento
Assistenti: Padovan-Meli
IV Ufficiale: Paganessi
Addizionali d’area: Irrati, Pinzani
Marcatori: 39′ Van Ginkel, 59′ st Destro, 73′ rig. Totti
Ammoniti: Destro, Mexes, Alex, Abate, Torosidis, Florenzi, Pjanic

I RISULTATI

 JUVENTUS-CAGLIARI  1-1
 MILAN-ROMA  2-1
 CHIEVO-VERONA  2-2
 CESENA-SASSUOLO  2-3
 PALERMO-ATALANTA  2-3
 UDINESE-SAMPDORIA  1-4
 EMPOLI-FIORENTINA  2-3
 PARMA-NAPOLI  2-2
 LAZIO-INTER  1-2
 GENOA-TORINO

CLASSIFICA SERIE A

 JUVENTUS  80
 ROMA  64
 LAZIO  63
 NAPOLI  60
 FIORENTINA  55
 SAMPDORIA  54
 INTER  52
 GENOA  50
 TORINO  48
 MILAN  46
 UDINESE  44
 PALERMO  43
 EMPOLI  41
 CHIEVO  42
 VERONA  41
 SASSUOLO  40
 ATALANTA  36
 CAGLIARI  28
 CESENA  24
 PARMA 7punti penalizz.  17

Write a Comment

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Shortcuts & Links

Search

Latest Posts