Essentials

Meta

Pages

Categories

Campionato: Roma-lazio 2-2

Diciottesima  giornata di campionato
Stagione 2014-2015
Roma: Stadio Olimpico
Domenica 11 gennaio 2015 ore 15,00
Roma-Lazio 2-2

I capitani rstorici. Totti brilla ancora

1-2 firmato Totti

Schermata 2015-01-11 alle 18.53.58

IN CURVA BRILLA LA FIGURINA DI
UN CAPITANO STRATOSFERICO

La coreografia della Curva Sud è fantastica e và sopra ogni sfottò, racchiude in se la storia della squadra giallorossa attraverso le gigantografie dei suoi capitani.
Uno in particolare brilla più degli altri perchè la storia è conse e lui porta per mano la Roma attraverso la storia.
Due goal ed una serie di prodezze in campo che lasciano estasiato il popolo giallorosso cucendo la bocca ai critici dell’ultima ora e quelli che da sempre lo vogliono additare come il male della Roma.
Di questo male ha vissuto anche il derby che la Roma gioca in casa ed il male a sentirlo è la Lazio che sentiva la vittoria in mano dopo i primi quarantacinque minuti, regalati dalla Roma che mentalmente e tatticamente non era in campo, oltre a sbagliare clamorosamente con Nainggolan e De Sanctis che facevano 0-2.
Le due reti ospiti infatti provengono da altrettanti regali con Nainggolan che dona una partenza vincente a centrocampo sbagliando una palla semplice, cui replica De Sanctis che parte in grave ritardo sul raddoppio.

 

Esplosione di sentimenti in curva sud

Esplosione di sentimenti in curva sud

DUE RETI DI VANTAGGIO. PER BATTERE LA ROMA NON BASTANO

Dopo il primo tempo scommettere sulla Roma prima in classifica (in attesa di Napoli-Juventus) e sul recupero del risultato (0-2) era dura per tutti. Pensando anche allo 0-2 finito 2-2 tra Inter e Lazio resta difficile vedere un recupero giallorosso con in mente il non gioco del primo tempo.
La speranza in ognuno di noi è dura a morire e proprio questa sostiene i tifosi dal rinunciare ai secondi quarantacinque minuti e restare lì a tifare Roma nonostante tutto e tutti.
Garcia opera subito due sostituzioni, in campo, entra Strootman al posto di Florenzi e Nainggolan ammonito lascia la scena a Ljajic.
La fisicità di Strootman si fà subito sentire ma, a fare la differenza fin dall’inizio, è la rabbia, la caparbietà e la bravura di un campione stratosferico con 38 primavere sulle spalle cui non interessa essere illuminato in scena ma di illuminare con la sua classe una Roma spaurita che va presa per mano.

Totti porta palla al centro deve fare un altro goal

SUPERSTRATOSFERICO CAPITANO. TUTTI PER TOTTI

A far intravedere un possibile recupero è proprio Totti che appena due minuti dopo l’inizio della ripresa si trova al momento giusto nel posto giusto su preciso assist di Strootman che il capitano devia in rete bruciando tutti.
C’è tempo appena per esultare, ma di corsa, con il SuperFrancesco giallorosso a portare velocemente palla a centrocampo. Il goal è realizzato ma il risultato e la classifica sono ancora fermi.

Lazio raggiunta

ESPLODE IL VULCANO ROMANISTA

Bastava trovare la miccia giusta per fare esplodere il vulcano giallorosso.
La miccia nel primo tempo i giallorossi l’avevano dimenticata negli spogliatoi, a dissotterlarla non poteva essere che lui l’esperto capitano che nonostante le tante primavere sulle spalle, trova la gista miscela esplosiva su cross pennellato di Holebas, battezzato imprendibile dalla difesa laziale.
Dove gli altri dicono passo, Totti urla presente e alzando la gamba fino all’inverosimile colpisce secco la sfera che Marchetti vede nuovamente scorrere imprendibile davanti gli occhi per la seconda volta in appena 17 minuti, con il solito Totti che acceso l’innesco fa saltarte la polveriera giallorossa. L’urlo della curva sud e dei settori giallorossi è immenso, la vocalità concentrata tutta nello stesso istante è registrata anche dai sismologi. La magnitudo della felicità romanista è al massimo delle varie scale dei sismologi stessi.

Tutti x Totti

ROMA VEDE LA VETTA SOLO NEL POMERIGGIO

Una partita che sembrava persa, la Roma la recupera come col Sassuolo, mentre la Lazio viene raggiunta, nonostante il doppio vantaggio così come era già successo a Milano contro l’Inter.
Se la Lazio ed i suoi tifosi, meno del previsto allo stadio, cercavano di fare lo sgambetto totale ai giallorossi e avanzare nettamente in classifica, sono stati fermati da quel campione che, secondo vecchi sfottò biancocelesti, era un buon giocatore con popolarità solo all’interno del Raccordo anulare. Male per i giallorossi la vittoria della Juventus a Napoli (da segnalare la seconda rete del vantaggio juventino irregolare per un fuorigioco di Chiellini non sanzionato). Tornano tre i punti di distacco frutto della gara di Torino che a Garcia e all’universo Roma non può andare giù.

TOTTI GOAL RECORD NEL DERBY CON SELFIE

I tempi cambiano e SuperTotti centra il record dei goal segnati in campionato nei derbies, in casa Roma toccando la vetta in solitaria.
Una doppietta che firma un altro record, oltre ad avanzare nella classifica dei cannonieri di tutti i tempi in serie A.
Raggiungere i rivali cittadini, recuperare un doppio svantaggio, riequilibrare una partita che ai più sembrava persa, far esplodere il vulcano romanista e portare la Roma in vetta alla classifica vale una foto ricordo?
L’idea geniale non poteva che pasare nel cervello del Capitano che dopo aver arringato la curva immersa nell’amore, prende un telefonino da un addetto e, spalle alla curva Sud scatta un selfie in cui si vede la sua immagine condita alle spalle dai tifosi in delirio.
Una foto storica che farà il giro del mondo, che terrà banco nelle varie trasmissioni mondiali, un idea unica che verrà senza dubbio clonata in futuro ma come sempre per primo ad arrivarci è Francesco Totti, l’uomo partita in un pomeriggio cupo che alla fine fa sorridere solo i giallorossi, con la Roma lassù in alto dove più in alto non si può e questo attenua il rammarico di una mancata vittoria.
Al termine Francesco Totti ha dichiarato: “Purtroppo oggi abbiamo buttato via il primo tempo, siamo andati sotto e le cose si erano messe male. Dobbiamo considerare il risultato come un punto guadagnato. Ho festeggiato la mia doppietta con un Selfie per ricordarlo sempre. Una gioia immensa. Il nostro obiettivo è e rimane lo scudetto”.

Una con ritmo per Rudi Garcia: “La cosa importante è aver visto una Roma forte nel secondo tempo, stasera abbiamo ritrovato efficacia davanti ma persò un po’ di efficacia in difesa. Sono molto contento per il recupero della squadra, nell’intervallo ci credevo che questa partita non era finita. Aver messo Pjanic più avanti ci ha permesso di avere Totti in area che con la sua risposta ha trascinato la squadra nel secondo tempo. Sul secondo gol è facile per Totti andarci. Sul primo è stato un colpo di genio di Totti e di Strootman per l’assist. Bastava un gol per cambiare l’attegigamento psicologico della gara.‏La Lazio ha approfittato dei nostri errori. Per vedere una bella gara bisogna avere due belle squadre, e la Lazio lo è E’ stato un bel finale di gara, c’era ritmo, era possibile fare meglio su alcuni palloni persi e regalati, ma rimaniano su una nota positiva Sì, abbiamo fatto troppi regali, ma per i tifosi è stata una gara di alto livello. Quando le cose non vanno bene bisogna forse tenere di più la palla, ma questa è la storia di questo derby. Quello che conta è stata la rimonta, ottenuta con il cuore e con il gioco. Sappiamo che loro stanno facendo bene, hanno giocatori veloci come Anderson. Alla fine con questo modulo e questi cambi abbiamo avuto una carica in più.
Il selfie dopo il golal del pareggio? Mai vista una cosa del genere, ma il capitano è stato grande stasera. Gli avevo detto di andare in campo e guidare la sua squadra, e lui lo ha fatto. Roma e Juve vanno forte lì davanti. Vediamo cosa succede stasera. Avevo detto ai miei ragazzi che l’obiettivo era essere primi da soli dopo questa gara, non ci siamo riusciti, ma al momento siamo alla pari. Speriamo che il Napoli ottenga un risultato positivo stasera.

TUTTI GLI UOMINI DELLA COREOGRAFIA. UN PEZZO DE’ CORE

Un semplice scarno elenco per motivi di spazio ma dietro ogni figurina gigante in curva sud c’è la storia che questi uomini hanno aiutato e continuano a costruire con il loro enorme valore.
Il vaore aggiunto in tutto questo è la magia che una grande curva sud ha saputo rappresentare con un idea che consegnerà lustro e fama a quel settore per tanti anni ancora. Dal “Ti amo” alla storia dei giallorossi più rappresentativi della Roma: Giorgio DE MICHELI, GiulianoCARPI, Giuseppe TACCOLA, Giuseppe  GIANNINI,  Fulvio BERNARDINI , Attilio FERRARIS IV, Amedeo AMADEI, Giacomo LOSI, Rodolfo VOLK, Bruno CONTI, Francesco ROCCA, Agostino Guido MASETTI, Giancarlo DE SISTI, Daniele DE ROSSI, Francesco TOTTI,

TAFFERUGLI AL TERMINE. TRE ARRESTI

Al termine della gara quando era in atto il flusso di uscita dei tifosi, alcunni individui ai margini della scena hanno lanciato petardi e fumogeni contro le forze dell’ordine. Si registra anche qualche tafferuglio tra opposte fazioni.
Ben più grave quanto sequestrato intorno allo stadio dopo la gara, sei bottiglie molotov, 25 bastoni, un martello, 18 bombe carta e un coltello .questi oggetti dovevano essere usati per una “guerriglia.
Tre i tifosi arrestati dalla polizia, si tratta di due tifosi laziali e un tifoso romanista di 23 anni.
Le indagini per risalire ai partecipanti ai disordini sono andate avanti per tutta la notte, i risultati saranno presentati in una conferenza stampa.

Raddoppio di Andersson

Raddoppio di Andersson

 

Rete di Mauri

Rete di Mauri

Garcia in sofferenza per l'attentato di Parigi

Garcia in sofferenza per l’attentato di Parigi

 

 

GARCIA DOPO L’ASSALTO DI PARIGI

Dopo l’attacco al giornale satirico Charlie Hebdo avvenuto a Parigi il 7 gennaio 2014 sono arrivate le dichiarazioni dei più importanti personaggi dl mondo. Tra questi anche un breve twitt di Garcia, allenatore francese della Roma, che da connazionale ha vissuto drammaticamente queste ore. Queste le poche righe di vicinanza alle vittime e superstiti: “Con tutto il cuore con Charlie Hebdo”.
Anche il derby della capitale risente del dopo attentato parigino. La stracittadina è infatti tra i primi match a portsre in uno stadio migliaia di persone.  Per l’occasione Ponte Milvio  e Ponte Duca d’Aosta  verranno chiuse al traffico per essere presidiate al meglio dalle forze dell’ordine. A complicare la situazione un propabile sciopero dei vigili urbani. Oltre mille gli agenti delle forze dell’ordine che verranno impiegati per garantire la sicurezza in occasione della stracittadina un appuntamento da sempre a rischio sotto il profilo dell’ordine pubblico.

SCAMACCA SE NE VA

Gianluca Scamacca, emergente degli allievi nazionali  romanisti, classe ’98 ha firmato per il PSV Eindhoven esercitando una clausola regolamentare che comporta la cessione di giovani con il pagamento di soli 270.000 euro. Il ragazzo ha accettato la proprosta olandese rifiutando un’offerta da parte della Roma abbastanza consistente ma minore da quella offerta dagli olandesi che con una semlice regola sono riusciti a strappare il giovane talento. Sarebbe importante conoscere le intenzioni del ragazzo che ha ceduto alle sirene olandesi.

MAROTTA: ALLA FINE TUTTO SI COMPENSA

Il d.s. bianconero Marotta non si è lasciato sfuggire l’occasione per parlare sia della tecnologia che di Rudi Garcia. “Ci siamo sempre dichiarati favorevoli all’ introduzione della tecnologia, auspichiamo si possano introdurre macchinari nel calcio, siamo contrari però alla moviola. Garcia sta continuando a parlare di Juve-Roma ma anche a lui ultimamente ci sono sempre stati episodi a favore. Questo significa che se arbitra un essere umano può anche sbagliare e anche la Roma deve accettarlo.  Il campionato verrà vinto dalla squadra più forte e che nell’ambito della economia arbitrale si compenserà. Lo Scudetto, non posso pensare, si vincerà per un episodio. Il valore assoluto è quello di dire che vince la squadra più forte”.

Schermata 2014-12-10 alle 23.36.58

ROMA PORTA INVIOLATA DA 270 MINUTI

La Romain difesa, dopo la vittoria di Udine, resta con la porta inviolata da ben 270 minuti. La squadra di Garcia non prende gol da tre partite consecutive (0-1 con il Genoa a Marassi, 0-0 interno con il Milan e 0-1 con l’Udinese al Friuli).  L’ultima rete subita, è la seconda del 2-2 dell’Olimpico con il Sassuolo (7 dicembre 2014). Zaza è stato l’ultimo a trafiggere De Sanctis.

KEVIN MENDEZ GIRATO AL PERUGIA

Come riportato dall’Almanacco l’acquisizione di Kevin Mendez si è conclusa positivamente. Il calciatore dopo la firma del contratto è stato girato al Perugia per farlo crescere il tempo necessario per poi riportarlo a Trigoria. Continua l’acquisizione di giovani talenti da parte della società con la longa manus di Walter Sabatini che ha conoscenze specifiche in materia.
Il giovane Kevin Mendez ha disputato già il primo allenamento con la nuova maglia del Perugia .sotto la supervisione del tecnico  Camplone.
Questo il comunicato ufficiale del club umbro: “L’AC Perugia Calcio comunica di aver acquisito a titolo temporaneo dalla As Roma, per 18 mesi con opzione e contro opzione della società giallorossa, il diritto alle prestazioni sportive del calciatore Kevin Mendez. Il giocatore, rappresentato dai procuratori Alessandro Lucci e Pablo Boselli, ha già raggiunto i compagni nel ritiro di Ardea e da domani sarà a disposizione del tecnico Camplone”.

TABELLINO

ROMA (4-3-3) De Sanctis; Maicon, Manolas, Astori, Holebas, Pjanic, De Rossi, Nainggolan (dal 1′ s.t. Strootman), Florenzi (dal 1′ s.t. Ljajic), Totti, Iturbe (dal 36′ s.t. Destro)
A disposizione: Skorupski, Lobont, Yanga-Mbiwa, Somma, Torosidis, Cole, Emanuelson, Paredes, Borriello, Verde
Allenatore: Garcia.
LAZIO (4-2-3-1) Marchetti; Basta, De Vrij (dal 31′ s.t. Cavanda), Cana, Radu; Biglia, Parolo, Candreva, Mauri, Felipe Anderson (dal 20′ s.t. Onazi), Djordjevic (dal 20′ s.t. Klose)
A disposizione: Berisha, Strakosha, Novaretti, Pereirinha, Konko, Ledesma, Cataldi, Keita
Allenatore: Pioli.
Arbitro: Orsato di Schio
Assistenti: Tonolini-Manganelli
IV Ufficiale: Nicoletti.
Addizionali d’area: Gervasoni e Banti
Marcatori: 25′ Mauri, 29′ Felipe Anderson, 47′ Totti, 64′ Totti
Spettatori 55mila circa
Ammoniti: Felipe Anderson, Cana, Nainggolan, De Rossi, Mauri, Marchetti e Iturbe,Pjanic.

I RISULTATI

 SASSUOLO-UDINESE  1-1
 TORINO-MILAN  1-1
 INTER-GENOA  3-1
 FIORENTINA-PALERMO  4-3
 ATALANTA-CHIEVO  1-1
 CAGLIARI-CESENA  2-1
 SAMPDORIA-EMPOLI  1-0
 ROMA-LAZIO  2-2
 VERONA-PARMA  3-1
 NAPOLI-JUVENTUS  1-3

CLASSIFICA SERIE A

 JUVENTUS  43
 ROMA  40
 LAZIO  31
 NAPOLI  30
 SAMPDORIA  30
 FIORENTINA  27
 GENOA  27
 MILAN  26
 INTER  25
 PALERMO  25
 SASSUOLO  24
 UDINESE  23
 VERONA  21
 TORINO  19
 EMPOLI  18
 CHIEVO  18
 ATALANTA  17
 CAGLIARI  15
 PARMA  9
 CESENA  9

Write a Comment

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Shortcuts & Links

Search

Latest Posts