Essentials

Meta

Pages

Categories

Campionato: Roma-Napoli 2-0

Ottava giornata di campionato
Stagione 2013-2014
Roma: stadio Olimpico ore 20,45
Venerdì 18 Ottobre 2013
RomaNapoli 2-0

OTTO SU OTTO LA ROMA NON SI FERMA

IL GOAL DI PJANIC DALLA CURVA NORD

IL GOAL DI PJANIC DALLA CURVA NORD

ROMA REGINA

MIGLIORE IN ITALIA ED IN EUROPA

Dopo l’anticipo dell’anticipo di venerdi in cui la Roma ha superato il Napoli,i giallorossi raccolgono con piacere e con un grande sorriso tra le labbra la sconfitta della Juventus al Comunalke di Firenze, dove la squadra di Vincenzo montella sotto per 0-2, nella ripresa prima recupera il doppio svantaggio, poi infila ancora due volte la porta di Buffon apparso alquanto incerto. Ora il distacco su Juventus e Napoli sale a più cinque punti dopo otto giornate.
Per finire la giornata dei risultati pro-Roma arriva il pari esterno dell’Inter a Torino contro i granata. I nerazzurri in svantaggio per due volte recuperano e vanno avanti a metà ripresa. Nel finale arriva il pareggio del Torino che regala altre due lunghezze di vantaggio alla Roma.
Per meglio comprendere il “favoloso” campionato che la squadra di Rudi Garcia sta disputando parlano le cifre dei campionati europei, naturalmente i migliori.
Fino a sabato la Roma condivideva il punteggio pieno in classifica con due delle più forti squadre d’Europa, il Barcellona e l’Atletico Madrid.
Ora la squadra di Messi dopo il pareggio per 0-o con l’Osasuna a Pamplona non fò parte più di questa elite di squadre. A lasciare campo libero ai giallorossi l’inaspettata sconfitta dell’Atletico Madrid  di Simeone che ha perso 1-0 in casa dell’Espanyol.
In questo incredibile e meraviglioso inizio di campionato la Roma ha la migliore difesa d’Europa e questo, come ha sempre scritto l’Almanacco (vedi tutti articoli dell’ultimo biennio), è sinonimo di successo. Non ce le vogliano gli estimatori di Luoise Enrique (altro fiasco in Spagna) e di Zeman (fuori dalla mischia).

SPARITA LA LAZIO

Dopo sole tto giornate di campionato la rivalità cittadina tra una Roma straripante, che ha vinto 2-0 anche il derby, e la Lazio sembra già spenta per gli “introvabili” sostenitori” della povera aquila olimpia.
Si sa che il clima derby a Roma è sempre acceso ma la squadra di Totti e compagni sembra aver annichilito i dirimpettai di oltre-Tevere. La lazio sconfitta persino a Bergamo, campo che le porta sempre bene, è sotto la Roma di tredici lunghezze, dopo sole otto giornate.
La giornata più bella dei tifosi romanisti è questa ottava di andata veramente da incorniciare. Arriveranno anche tempi più duri ma la Roma ha dimostrato carattere e voglia di vincere e lottare, qualità che i suoi tifosi hanno da sempre.

LO SCONTRO DIRETTO DICE ROMA

La Roma targata Garcia e Totti eguaglia il record della Juventus di Platini, con l’ottava vittoria in altrettante partite disputate.
Questa volta, a differenza delle gare precedenti, il colpo è doppio perchè la Roma affonda all’Olimpico la seconda in classifica distaccandola di ben cinque lunghezze dopo sole otto giornate.
Un distacco che è forte anche in prospettiva futura anche se gli infortuni di Totti e Gervinho non lasciano tranquillo un ambiente euforico.
La Roma è una squadra quadrata che nonostante le defezioni dimostra ottimi ricambi supportati dal momento gagliardo che la squadra vive. Un esempio Borriello che sull’affollato podio dei migliori in campo non fatica ad affacciarsi, sorretto dalle parole di un altro migliore, De Rossi, che lo porta in alto con se.

DE SANCTIS-DE ROSSI LA ROMA E' SALVA

DE SANCTIS-DE ROSSI LA ROMA E’ SALVA

DE SANCTIS-DE ROSSI-PJANIC LA ROMA VOLA

A perdersi il goal della Roma allo scadere dei tre minuti di recupero sono due immensi campioni: Totti che ha lasciato per un risentimento muscolare (problema ai flessori), Maradona che ha lasciato gli spalti prima dello scadere.
Un primo tempo che ha offerto spettacolo, la Roma ci ha provato con le serpentine funamboliche di Gervinho e le conclusioni di Florenzi, Strootman e Pjanic che mandano le conclusioni vicino ai pali di Reina.
L’occasione più ghiotta arriva sui piedi di Pandev (ammonito in precedenza), che grazie ad un fuorigioco sbagliato, si presenta solo davanti a de sanctis, sotto la curva sud.
Il pubblico è muto, i tifosi romanistoi stringono e gufano, i 5000 napoletani sono pronti ad urlare goal. Pandev sferra la forte conclusione De sanctis intuisce ma non trattiene la sfera, De Rossi che ci ha creduto fino all’ultimo con una sforbiciata mette fuori la palla del vantaggio partenopeo.

LA ROMA BALBETTA SENZA IL CAPITANO

Nel momento in cui esce Totti, (alla mezz’ora) tra l’altro fuori del terreno di gioco senza fermare la partita, la squadra giallorossa balbetta, la sud è silenziosa ed il Napoli capisce che è il momento buono ed alza il baricentro del gioco mettendo sotto pressione la difesa romanista.
Detto della grande occasione di Pandev stoppato dal fattore Doppio “D” (De Sanctis-De Rossi), gli ospiti vanno vicini al vantaggio con Insigne che liberatosi bene in area aspetta l’uscita del portiere giallorosso e conclude sul palo esterno alla sinistra di De Sanctis.
Orsato, buona la direzione di gara complessiva,  vede un fallo di Cannavaro, ammonito, su Gervinho.

PJANIC CALIBRA LA PUNIZIONE VINCENTE

PJANIC CALIBRA LA PUNIZIONE VINCENTE

PJANIC FA CENTRO ROMA IN VANTAGGIO

Sulla palla si reca Pjanic che aggiusta il pallone in piena tranquillità. Dodò che timidamente chiede il tiro si allontana silenziosamente e lascia al tiro al bosniaco (reduce dalla qualificazione ai mondiali con la sua nazionale).
Il muro edificato dagli azzurri è importante ma Pjanic disegna una traiettoria perfetta che supera la super-barriera azzurra e non dà scampo a Reina che appena intravede la direzione del pallone si lancia per la respinta della sfera ma la conclusione rende vana la spinta del portiere che non ci arriva.
La rete si gonfia sotto la curva nord e Pjanic corre li sotto a festeggiare, abbracciato da tutta la squadra.
C’è il tempo per rimettere la palla al centro e il direttore di gara manda tutti negli spogliatoi.

ANCORA PJANIC L’OLIMPICO ESPLODE

Si riparte con una certezza per la prima volta in 720 minuti il Napoli è in svantaggio e proprio contro la Roma che aspetta e riparte con grande velocità.
La squadra di Benitez che non sfonda centralmente e che trova valida opposizione sulle fasce laterali, tenta la conclusione dalla lunga distanza e dopo quattro minuti con Inler colpisce l’esterno palo alla destra di De Sanctis. In questa sfortunata classifica dei legni colpiti il Napoli al 15′ scheggia il terzo legno con Hamsik, con un tiro al limite dell’area.
Benitez immette Higuain, sostituendo un frastornato Pandev.
Non c’è tempo per chiedersi se la mossa dell’allenatore napoletano è giusta perchè i giallorossi a 20′ dalla fine su cross di Florenzi, Borriello  prende il tempo a Cannavaro che lo affonda davanti a Reina.
Il sig. Orsato non ha dubbi fischia subito il penalty (la moviola gli darà ragione) con conseguente giallo a Cannavaro che vale il rosso per la doppia ammonizione.
Per la terza volta dall’inizio del torneo la Roma usufruisce del rigore ma con l’assenza del capitano.
Nelle prime due occasioni sostituito per scelta tecnica, in questa serata uscito per infortunio.
Strootman lascia volentieri la massima punizione a Pjanic per regalare al bosniaco l’eventuale doppietta.
Il tiro manda il portiere dalla parte opposta e, il sacco napoletano è gonfio per la seconda volta e, questa volta, sotto la curva sud che esplode e sente più vicina la vittoria più importante nello scontro di alta classifica.
La Roma sorniona si richiude a riccio e aspetta le avanzate azzurre per poi colpire in contropiede. L’assenza di Totti si fà sentire quando in una ripartenza Ljaljic non vede solo sulla sinistra Florenzi lanciato a rete e l’azione sfuma.

GARCIA ESCE VINCENTE CONTRO BENITEZ

LE INTERVISTE DEI RECORDMEN E DEGLI ALTRI

GARCIA: L’ obiettivo è arrivare allo sprint finale con le altre, meglio arrivarci con qualche punto di vantaggio. Abbiamo vinto con il talento e con il cuore, era una gara molto dura. Forse la gran parata di De Sanctis e il salvataggio di De Rossi è stato un momento importante.
Quando si gioca una gara così dura i calci piazzati possono essere decisivi.
Sui tiratori il primo rigorista era il capitano, poi c’era Pjanic. Sulle ammonizioni è un fatto che accetto, dimostra che la squadra non vuole prendere gol, anche il Napoli ha preso un po’ di ammonizioni.
La Roma è eterna, noi siamo solo di passaggio, oggi non era Benitez-Garcia, ma Roma-Napoli.
Sono molto felice ma anche un po’ deluso dagli infortuni.
Sortunatamente possiamo dire che è una vittoria di Pirro perchè abbiamo perso due giocatori importanti, ma l’Olimpico così pieno era una cosa magica. Sono orgoglioso che la Roma di Totti abbia raggiunto la Juve di Platini. Vedere la squadra così è un piacere, sappiamo che questa gara era difficile ma sappiamo anche che i calci piazzati possono essere determinanti. Tutti hanno fame e aiutano il compagno anche quando è successo l’infortunio di Francesco non ho avuto dubbi sulla scelta di Marco perchè lui si allena bene.
Lo abbiamo visto sul rigore la sua qualità. Rimangono 90 punti però la squadra mostra cose che fanno piacere ma che rassicurano anche. Gervinho si è fatto male anche per il lungo viaggio per giocare con la sua nazionale.  La ripresa degli allenamenti era fissata per lunedi ma ho regalato un giorno di riposo in più.
Vorrei ricordare che abbiamo vinto anche con una grande parata di Morgan De Sanctis e un salvataggio di De Rossi e con due calci piazzati. E’ l’inizio di un sogno. Penso solo alla squadra successiva da affrontare, dobbiamo godere di questa vittoria, ma dobbiamo preparare Udine.
Questa vittoria è merito di tutti, abbiamo giocato da squadra, col cuore con molta solidarietà. Era difficile vincere questa partita: col cuore, con la fortuna, fantastico vincere all’Olimpico davanti a questi tifosi.

BORRIELLO: Mi sono calato nella parte, Non conta la tecnica ma lo sprito.
In qualche modo sono stato decisvio con il rigore e l’espulsione, arrivo da una stagione decisiva con il Genoa e ho fatto bene aanche li. Certo qui ho davanti Totti, un male per me ma un bene per la Roma.In ogni caso quando entro nella mischia rispondo bene.
Questa sera gli episodi ci hanno dato ragione. Ora mettiamo pressione a tutti, ma ci sono squadre più attrezzate che possono vincere in ogni caso noi ci saremo. Stasera c’è stato un ribaltamento di gerarchie momentaneo e sappiamo che il Napoli è attrezzato per vincere lo scudetto, noi cercheremo di dare fastidio fino in fondo.

BENITEZ: Il calcio di punizione è stato una botta forte, mentalmente vai nello spogliatoio con un atteggiamento diverso. Ma nella ripresa abbiamo spinto fino all’episodio del rigore.La squadra l’ho vista viva. Quando perdo mi sento giù di morale, ma non questa sera. Abbiamo creato tanto in un campo difficile contro una squadra che non ha mai perso. Resta il rammarico per il risultato, ma non ho perso la convinzione di giocare in una squadra forte.Non pensavamo alla Champions, non possiamo permetterci quest’anno di pensare a una competizione o all’altra. Abbiamo l’organico per puntare su entrambe le competizioni. Higuain è un giocatore importante, ma va anche tutelato. Se non è al 100% è giusto che giochi Pandev che è un altro grande attaccante. Non siamo stati fortunati negli episodi.
Sul rigore deve decidere il responsabile degli arbitri io non penso nulla, ma è un episodio che ha cambiato la partita. Quando hai due occasioni clamorose contro una squadra così forte si paga. Nella ripresa la reazione della squadra mi è piaciuta, la Roma era con undici giocatori dietro la linea della palla. Ma il rigore ha cambiato tutto: 2-0 e in dieci cambia tutto.
Il problema è che contro una squadra così in fiducia se non fai gol dopo due occasioni clamorose cambia tutto. Poi è arrivato il loro gol a fine primo tempo, il top per la Roma.

LA SETTIMANA DA INTER-ROMA A ROMA-NAPOLI

COME DOVE… IN ARRIVO DA NAPOLI

La questura di Roma ha predisposto servizi di accoglienza per i tifosi che giungeranno da Napoli, con un parcheggio di scambio, vigilato dalle forze dell’ordine, disposto in via Luigi Schiavonetti dalle ore 16 per chi arriva a Roma con mezzi privati. Il trasporto verso lo stadio sarà garantito da 35 autobus scortati e messi a disposizione dall’Atac. E’ previsto inoltre un servizio di accoglienza per i bus turistici che saranno intercettati in autostrada e scortati verso l’Olimpico. Navette dalla stazione Termini, anche se saranno in pochi a scegliere la strada ferrata.

IL GESTACCIO DI BAGNI E IL GEMELLAGGIO SI RUPPE

Alla vigilia del big match dell’ottava giornata di campionato Salvatore Bagni ricorda, come un suo gestaccio nei confronti dei tifosi romanisti sanzionò la rottura del gemllaggio tra romanisti e napoletani, con tutte le conseguenze che nel corso degli anni passati si sono susseguite. L’ex calciatore azzurro torna a scusarsi con i tifosi della Roma: “Mi dispiace che il gemellaggio tra le tifoserie di Napoli e Roma si sia spezzato per colpa mia. Purtroppo io in campo ero così, andavo spesso su di giri. E quel pomeriggio dell’87, all’Olimpico, ero particolarmente nervoso. Stavamo perdendo, poi Francini pareggiò. Ma il mio gesto rivolto ai tifosi giallorossi non aveva giustificazioni. Ho chiesto scusa più volte ai sostenitori della Roma, anche perché ho lavorato nella Capitale con radio e tv che si occupano della Roma. Ma ora Salvatore Bagni non gioca più, credo sia arrivato il momento di fermare questo astio esistente tra le due tifoserie.”

ROMA-NAPOLI DI VENERDI’

Schermata 2013-10-07 alle 16.39.06

La gara Roma-Napoli in programma per sabato 19 ottobre, in anticipo alle 18,00 è stata maggiormente anticipata al venerdì 18 ottobre con inizio alle 20,45. Dopo tante ipotesi sullo slittamento dell’incontro, su una impropabile inversione di campo, su date lontane arriva tutto sommato una scelta condivisibile che anche le due società hanno accettato di buon grado. A decidere data ed orario il Prefetto di Roma Pecoraro che lo aveva preventivamente comunicato ai presidenti di Coni e Lega.
L’anticipo dell’anticipo è dovuto alla manifestazione dei No Tav in programma sabato 19 nella Capitale. Per timore di incidenti derivanti dalla manifestazione, con l’aggravio di un aggiunta di uomini per contrastare episodi di violenza anche con una partita a rischio come Roma-Napoli si è deciso di anticiparla, come riferito al venerdì. Arriva a breve giro di minuti anche la conferma della Lega calcio: “8ª GIORNATA DI ANDATA VARIAZIONE DATAE ORARIO GARA ROMA-NAPOLI.
Il Presidente della Lega Serie A,vista la comunicazione con la quale, in data 4 ottobre 2013, il Prefetto di Roma hachiesto alla Lega di riconsiderare la programmazione della gara Roma-Napoli della 8ª giornata di andata del campionato di Serie A TIM, al fine di evitare le possibili criticità per l’ordine e la sicurezza pubblica evidenziate dai responsabili delle Forze dell’Ordine in conseguenza della concomitanza con altra manifestazione prevista per lo stesso giorno; verificata con la Prefettura di Roma la compatibilità dell’anticipo al venerdì della gara in oggetto con le esigenze dalla stessa rappresentate; acquisito il consenso delle società Roma e Napoli; dispone che la gara Roma-Napoli
dell’ 8ª giornata di Serie A TIM si disputivenerdì 18ottobre 2013, con inizio alle ore 20.45(anziché sabato 19 ottobre con inizio alle ore18,00. Pubblicato in Milano lunedì 7 ottobre. (firmato Maurizio Beretta).

A. S. Roma: perdita di 40, 1 milioni nel 2012/2013

Il Consiglio di Amministrazione di A.S. Roma ha approvato il Progetto di bilancio d’esercizio ed il bilancio consolidato relativi all’esercizio chiuso al 30 giugno 2013.
I Ricavi operativi consolidati, al netto dei risultati della gestione operativa del parco calciatori, sono pari a 124,7 milioni di euro (116 milioni di euro, al 30 giugno 2012), e si presentano in crescita del 7,5% rispetto al 2012. Il Reddito netto consolidato, al netto della quota attribuita alle minoranze, e’ negativo per 40,1 milioni di euro (e per 58,5 milioni di euro, al 30 giugno 2012), in miglioramento di 18,3 milioni di euro rispetto al precedente esercizio.

TOTTI RECORD PASSATI E FUTURI

Domenica sera al Meazza Francesco Totti ha realizzato il 100^ goal in casa dell’Inter a Milano, stadio dove è andato più volte in rete (14 volte). Se non è un record è certamente una statistica centrata che fà felice i tifosi giallorossi. Ora nel breve termine Francesco Totti può raggiungere il suo amico e talento indiscusso Alex Del piero, il divario è solo di cinque reti, naturalmente si parla di quelle realizzate sempre con la stessa maglia. E’ il traguardo dell’appartenenza, quella più vicina al cuore dei propri tifosi. Si sà che la scelta di mandare via del Piero (attualmente in Australia), non è stata presa bene dalla tifoseria bianconera, lasciando proprio a Totti il ruolo di capitano in attività sempre con la stessa maglia. 285 reti realizzate da Totti contro le 289 di Del Piero.
A proposito dei goal multipli segnati dal capitano giallorosso domenica sera a Milano Francesco Totti ha realizzato la 50^ doppietta in carriera, la 44^ in campionato. La precedente era stata segnata in Bari-Roma.
Un record che non potrà battere in questa stagione è quello di non aver segnato mai a Novara, Pescara, Cremonese, Padova, Treviso e Venezia.

PRANDELLI: “TOTTI SI’ E’ ANCORA DA NAZIONALE”

Il Ct. della nazionale Italiana Prandelli chiamato a giudicare Totti ha dichiarato: “Totti? Quando lo dicevo io… E’ un Totti fantastico. Se fossimo nell’immediato del Mondiale, oggi sarebbe del gruppo. Il gruppo accetta qualsiasi giocatore che possa far fare la differenza e far aumentare la qualita del gioco. Ho già detto che Totti e Cassano, sono giocatori che seguiamo e che un mese prima valuteremo la loro condizione, tutto il gruppo che ci ha portato ai Mondiali. Certo che un Totti così, che fa parlare di sè, fa riflettere. Se fossimo vicini al Mondiale non ci sarebbero dubbi, lo convocherei. Se ci siamo parlati? Non dobbiamo parlarci otto mesi prima, mi auguro che mantengano questa condizione, la priorità per i Mondiali è l’atletismo, mi servono 22 giocatori che fisicamente stanno benissimo e un mese prima faremo dei test, l’aspetto fisico sarà determinante.

DE ROSSI LASCIA LA NAZIONALE

DE ROSSI ha lasciato il ritiro di Coverciano lunedì 7 ottobre per via di un infortunio. Il giallorosso è stato visitato dal medico degli azzurri Enrico Castellacci che ha riscontrato ”una tendinopatia all’inserzione dell’adduttore sinistro”. Con il Ct Preandelli si è deciso di rimandare a casa il ragazzo. Va ricordato al di là dell’infortunio occorso a Milano che la doppia gara di qualificazione ai mondiali del Brasile non è decisiva ai fini della classifica in quanto gli azzurri si sono già qualificati, anche con le reti di daniele De Rossi.0
Se capitan futuro lascia gli azzurri rientrano nel club Balzaretti e Florenzi.

TRE ANNI AGLI ARRESTATI DOPO IL DERBY

Pesanti condanne per gli arrestati dopo il derby di andata Roma-Lazio per gli incidenti avvenuti fuori lo stadio olimpico. Leggi servizio nella pagina del derby.

IL TABELLINO

ROMA (4-3-3): De Sanctis; Maicon, Benatia, Castan, Dodò; Pjanic, De Rossi, Strootman; Florenzi (dal 36′ s.t. Marquinho), Totti (dal 33′ Borriello), Gervinho (dall’11’ s.t. Ljajic).
A disposizione: Lobont, Skorupski, Burdisso, Torosidis, Romagnoli, Bradley, Taddei, Caprari, Ricci
Allenatore: Garcia.
NAPOLI (4-2-3-1): Reina; Maggio, Albiol, Britos (dal 44′ Cannavaro), Mesto; Inler (dal 37′ s.t. Dzemaili), Behrami; Callejon, Hamisk, Insigne; Pandev (dal 23′ s.t. Higuain).
A disposizione: Rafael, Colombo, Fernandez, Armero, Radosevic, Mertens, Zapata.
Allenatore: Benitez.

Marcatori: 48′ Pjanic, 71′ rig. Pjanic.
Arbitro: Orsato
Assistenti: Tonolini-Padovan
Quarto uomo: Vuoto
Assistenti addizionali di area: Tagliavento-Banti
Ammoniti: Pandev,Inler,Pjanic,Benatia.
Espulso: Cannavaro doppia ammonizione
Recuperi:3′ nel primo tempo; 4′ secondo tempo.

 

I RISULTATI

ROMA-NAPOLI  2-0
CAGLIARI-CATANIA  2-1
MILAN-UDINESE  1-0
ATALANTA-LAZIO  2-1
FIORENTINA-JUVENTUS  4-2
GENOA-CHIEVO  2-1
VERONA-PARMA  3-2
LIVORNO-SAMPDORIA 1-2
SASSUOLO-BOLOGNA  2-1
TORINO-INTER 3-3

CLASSIFICA

 

 ROMA  24
 JUVENTUS  19
 NAPOLI  19
 VERONA  16
 FIORENTINA  15
 INTER  15
 ATALANTA  12
 MILAN  11
 LAZIO 11
 UDINESE 10
 CAGLIARI 10
 TORINO 10
 PARMA 9
 LIVORNO 8
 GENOA 8
 SAMPDORIA 6
 CATANIA 5
SASSUOLO 5
 CHIEVO 4
BOLOGNA 3

Write a Comment

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Shortcuts & Links

Search

Latest Posts