Essentials

Meta

Pages

Categories

Campionato: Roma-Napoli 2-1

Trentottesima giornata di campionato
Stagione 2012-2013
Roma: stadio Olimpico ore 20,45
Domenica 19 maggio 2013
Roma-Napoli 2-1

La rete di Marquinho da dietro la porta

La rete di Marquinho da dietro la porta

ROMA VINCENTE SORPASSA LA LAZIO

Con due reti nella ripresa, dove la squadra giallorossa ha messo il cuore, la Roma batte il Napoli nonostante la rete di Cavani (millesima per la serie A) e attende notizie da Trieste, dove la Lazio che la sovravanza in classifica è impegnata.
Le notizie sono buone il Cagliari passa in vantaggio nella ripresa e mantiene il rsultato fino al termine.
La Roma subisce la rete di Cavani e sfiora a più riprese la terza segnatura, rischiando anche qualcosa dietro.
Poi il fischio finale ed i giallorossi meritatamente battono il Napoli (che chiude al terzo posto) e attendono i 5′ di recupero del Cagliari.
Alla fine a Trieste i sardi battono la Lazio 1-0, e la Roma mette la freccia e passa definitivamente i rivali in classifica, una piccola soddisfazione in attesa della finale di Coppa Italia.

Marquinho porta in vantaggio la Roma

Marquinho porta in vantaggio la Roma

LA LAZIO E’ LA SECONDA SQUADRA A ROMA

Qualche settimana fà il presidente della Lazio aveva riaffermato che la squadra prima nella capitale era proprio la sua, riferendosi naturalmente alla classifica:
Nel calcio mai parlare prima, ed ecco che al 95′ la Roma smentisce il disattento Lotito, sconfitto a trieste (campo neutro del Cagliari), ed è sotto la Roma, questa volta senza appello, e senza neppure attendere l’annoso processo, l’ennesimo che gli atleti biancocelesti dovranno subire, col loro capitano Mauri in primis.

Rosati non arriva e la Roma raddoppia con Destro

Rosati non arriva e la Roma raddoppia con Destro

LA ROMA FA’ LA ROMA NELLA RIPRESA

Il Napoli con i suoi inserimenti, con le sue alte qualità individuali, ha dimostrato la qualità che l’ha portata a raggiungere la seconda piazza del campionato, difronte la Roma che ha controllato gli avversari nei primi 45′, rischiando grosso solo in un occasione con Cavani che non ha inquadrato la porta giallorossa.
Il secondo tempo vede cambiare il quadro della partita, Andreazzoli dà la sveglia ai suoi ed aumenta la velocità e le occasioni, palo e quasi goal di Destro e tante percussioni offensive che la difesa partenopea frena a fatica.
Su una di queste arriva la gran conclusione di Marquinho che centra la porta azzurra e porta in vantaggio la Roma. Un goal meritato festeggiato sotto la curva del cuore del tifo giallorosso.
Non basta perchè la carica imposta da Andreazzoli ed applaudita dai tifosi non tende ad esaurirsi ed ecco arrivare il raddoppio firmato da Destro con un goal di potenza. l’attaccante si gira di potenza in area e scaglia una sassata che l’estremo napoletano ferma in un primo momento ma la potenza impressa alla sfera è notevole ed il pallone finisce la sua corsa nel sacco per il 2-0.
Ora i tifosi romanisti attendono la rete del Cagliari per sorpassare i rivalissimi e puntualmente arriva nel finale per un grande olè che riempie lo stadio. Ininfluente la rete di Cavani, rocambolesca ed abbastanza fortunata. La storia del campionato della Roma finisce qui, i giallorossi sono dietro solo a Juventus, Napoli, Milan (aiutatissimo come al solito nel finale a Siena), Fiorentina, Udinese. Al di sotto tutte le altre.

Marquinho impregna  Rosati. Destro colpirà il palo.

Marquinho impregna Rosati. Destro colpirà il palo.

26 MAGGIO 2013 O VINCETE O SCAPPATE

Aver chiuso sopra la Lazio era il minimo che la squadra potesse fare in un torneo che ha provocato la seconda delusione annuale per i giallorossi che hanno raggiunto sul filo di lana l’obiettivo minore rispetto al conseguimento del posto in Europa che conta, mancando nel campionato anche l’Europa League.
A dimostrazione di tutto questo lo striscione applauditissimo da tutto lo stadio, apparso in curva nord, in cui campeggiava: ” 26 MAGGIO 2013 O VINCETE O SCAPPATE”, in cui si indica la strada per salvare parzialmente la stagione e la propria presenza nella Roma con onore anche nella prossima stagione.
La firma i tifosi l’hanno messa, adesso attendiamo la prestazione della maggior parte dei singoli, escluso Totti che è una certezza di impegno, professionalità e capacità.

Dessena segna la rete che condanna la Lazio sotto la Roma

Dessena segna la rete che condanna la Lazio sotto la Roma

FERMA LA SUD UN TURNO E LA nord biancoceleste?

La Curva Sud è stata fermata per razzismo per una giornata del campionato 2013-2014.
Eppure la società giallorossa domenica con il Napoli aveva fatto scendere  in campo la squadra con t-shirt con la scritta:
“As Roma contro il  razzismo”, ma essendo diffidata per i noti fatti di Milano, ai quali si sono aggiunti quelli durante Roma-Napoli scatta la squaloifica e ben cinquantamila euro di multa. Stessa sanzione per l’Inter per gli  stessi cori verso il milanista in occasione della sfida di domenica contro l’Udinese. Anche il presidente Pallotta, tornato in Italia ieri, ha voluto dire la sua sull’accaduto: “Quelli degli hooligans e del razzismo sembrano episodi isolati, che vanno fermati con sanzioni individuali. E’ orribile che il campionato o la Roma si portino dietro la brutta reputazione per colpa di alcuni”.
Ora pagano tutti per colpa dei soliti noti politicizzati e menefreghisti delle giuste sanzioni che piovono sulla società.
Ma che romanisti siete? Gang razzista di una sera fatta di una grandissima minoranza rispetto a chi rispetta i propri colori e la propria maglia.
Se si deve innestare una piccola polemica è proprio sul comportamento del giudice sportivo che in Italia ha iniziato proprio con la Roma, anche giustamente, ma la Lazio curva principe in questi episodi non è mai stata toccata così duramente e in maniera mediatica così sonoramente. Il passato non si dimentica…..

BALDINI DICE BASTA

“Quello che è accaduto domenica scorsa è terribile e inaccettabile, l’ AS Roma non considera i responsabili di tali fatti come suoi tifosi”. Così ha detto il dg giallorosso Franco Baldini dopo la decisione del Giudice Sportivo di chiudere la Curva Sud per un turno. “Le azioni di questo gruppo ristretto sono detestabili e danneggiano la nostra società e i nostri fedeli tifosi che rispettano le leggi. Non abbiamo ancora ricevuto un rapporto dettagliato dalla Lega o dalla Federazione, ma continueremo a lavorare con loro e con le forze dell’ordine per garantire che venga fatto tutto il possibile per identificare e bandire i responsabili dagli stadi di calcio”.

LA SETTIMANA DA MILAN-ROMA A ROMA-NAPOLI

AS ROMA: I CONTI MIGLIORANO

La As Roma chiude i primi nove mesi dell’esercizio con una perdita netta consolidata di 36,4 mln, in miglioramento di 3,5 mln rispetto ai primi nove mesi del 2012, quando ammontava a 39,9 mln. I Ricavi consolidati, al netto dei risultati della gestione operativa del parco calciatori, sono pari a 93,3 milioni di euro (81,5 milioni di euro, al 31 marzo 2012), in crescita del 14,5% rispetto al corrispondente periodo dell’esercizio precedente, per il positivo andamento delle sue componenti. Nell’ultimo trimestre, chiuso al 31 marzo, la perdita e’ pari a 10,3 mln (erano 12,7 mln, nel trimestre al 31 marzo 2012), in miglioramento di 2,4 mln. I Ricavi consolidati del Trimestre, al netto dei risultati della gestione operativa del parco calciatori, sono pari a complessivi 35,5 mln (34,2 mln nel Trimestre al 31 marzo 2012), in crescita rispetto al corrispondente periodo dell’esercizio precedente, nonostante nel Trimestre siano state disputate cinque gare casalinghe di Campionato, rispetto alle sette disputate nel Trimestre 2012. I Costi Operativi consolidati, pari a 32,4 mln (36,1 mln, nel Trimestre al 31 marzo 2012), in flessione rispetto al Trimestre 2012, risultano composti sostanzialmente da Costi del personale, pari a 22,8 mln (26,7 mln nel Trimestre al 31 marzo 2012), e relativi al personale tesserato, tecnico, dipendente e dirigente dell’A.S. Roma. Il Patrimonio netto consolidato al 31 marzo 2013, comprensivo della quota di terzi, e’ negativo per 73,5 mln, in peggioramento di 21 mln, per il risultato economico del Periodo, negativo per 36,1 mln, che trova parziale compensazione nel Versamento in conto futuro aumento di capitale, effettuato nel Periodo da Neep Roma Holding SpA, per 15,15 mln. La Posizione finanziaria netta consolidata al 31 marzo 2013, in peggioramento di 27,6 mln rispetto al 30 giugno 2012.

 MULTONA ALLA ROMA MA GLI INCIVILI NON PAGANO?

Il Giudice sportivo Gian Paolo Tosel ha comminato cinquantamila euro di ammenda e una diffida alla Roma per cori razzisti da parte dei propri tifosi durante il match di domenica sera al Meazza contro il Milan. La società giallorossa è stata sanzionata per avere i suoi sostenitori, nel corso della gara, indirizzato continuativamente a tre calciatori della squadra avversaria (Balotelli, Muntari e Boateng) cori e grida espressivi di discriminazione razziale, inducendo l’arbitro, al 2° del secondo tempo, a disporre la sospensione della gara per circa due minuti, onde farli desistere da tale biasimevole comportamento”. La Roma a tal proposito “condanna ogni forma di abuso razziale. Questo tipo di comportamento da parte di qualsiasi tifoso, inclusi i nostri, è totalmente inaccettabile. Siamo impegnati ad affrontare con determinazione la questione, con l’obiettivo di eliminare tale problema dallo sport e di promuovere il rispetto verso tutti.”

RAZZISMO MINORANZA TIPICAMENTE LAZIALE

Questo tipo di situazioni appartengono come noto (vedi esempi di striscioni nazisti, forni crepatori e quant’altro) ad una parte della tifoseria laziale (peraltro una minoranza, come al solito). Va quindi indicato che al Meazza domenica sera vi era un gruppo di laziali mischiati insieme alla minoranza dei tifosi romanisti presenti oppure coloro che vivono di questo sotto i colori della AS Roma cambino colore, la minoranza biancoceleste sarà lieta di accoglierli.
Roma città i suoi abitanti ed i nostri colori sono da sempre ospitali con chiunque, ricco o povero, bianco o di altra colorazione nella pelle.Politica e razzismo fuori dagli stadi ( e dal mondo) dove c’è da pensare al calcio e non a rischiare multone o diffide o squalifiche e venire menzionati da tutti come incivili quando la nostra storia ed il nostro DNA hanno scritto pagine totalmente diverse. Infine ricordiamoci il nostro passato quando ci siamo lamentati della Lazio sui cori razzisti a Juan e noi facciamo la stessa cosa su Balotelli e gli altri, se non siete fanatici del razzismo fate i buu anche ad Ambrosini ed Abbiati, questo è solo tifo contro per innervosire l’avversario altrimenti….

BLATTER: UNA MULTA E’ POCO

Joseph Blatter bacchetta il calcio italiano per la mano troppo leggera contro i cori razzisti in Milan-Roma ed afferma ”E’ sorprendente e non comprensibile che la Disciplinare abbia deciso solo una multa 24 ore dopo i fatti e senza indagini. Solo una sanzione pecuniaria e’ inaccettabile, chiamero’ la Federazione italiana”. Si apprende che il prossimo congresso della Fifa introdurra’ norme che obbligheranno tutte le federazioni a punire piu’ duramente episodi di razzismo come quelli di Milano.

LA HOLDING DI PALLOTTA VERSA AUMENTO DI CAPITALE

James Pallotta ha versato nelle casse di Trigoria, tramite aumento di capitale, 72,5 milioni degli 80 previsti dall’accordo con Unicredit. E’ quanto si evince dalla relazione trimestrale depositata in Borsa e Consob. Dal documento emerge inoltre che Neep Roma Holding Spa ha garantito che dara’ tutte le risorse necessarie per far fronte ai fabbisogni finanziari e che il contratto con Walter Sabatini e’ stato prolungato di un anno.

 

Marquinho matador

Marquinho matador

TABELLINO

ROMA (4-2-3-1): Lobont; Torosidis (Piris 22′ s.t.), Burdisso, Castan, Dodò (Perrotta 35′ s.t.); Bradley, Tachtsidis; Lamela, Pjanic (Florenzi 31′ s.t.), Marquinho; Destro.
A disposizione: Goicoechea, Svekauskas, Romagnoli, Taddei, Lucca, Lopez, Osvaldo.
Allenatore: Andreazzoli.

NAPOLI (3-4-1-2): Rosati; Rolando, Cannavaro (Calaiò 28′ st), Britos (Armero 8′ s.t.); Maggio, Behrami, Dzemaili, Zuniga; Hamsik; Pandev (El Kaddouri 7′ p.t.), Cavani.
A disposizione: De Sanctis, Gamberini, Grava, Mesto, Inler, Donadel.
All. Mazzarri.

Marcatori: 47′ Marquinho, 58′ Destro, 84′ Cavani.

Arbitro: Banti di Livorno

Assistenti: Passeri e Costanzo

Quarto uomo: Paganessi

Assistenti di porta: Pinzani e Candussio

Recupero 3′ primo tempo e 4′ secondo tempo.

Ammoniti: Destro, Rolando, Armero

 

 I RISULTATI

SAMPDORIA-JUVENTUS  3-2
ATALANTA-CHIEVO  2-2
BOLOGNA-GENOA  0-0
CAGLIARI-LAZIO  1-0
INTER-UDINESE  2-5
PALERMO-PARMA  1-3
PESCARA-FIORENTINA  1-5
ROMA-NAPOLI  2-1
SIENA-MILAN  1-2
TORINO-CATANIA  2-2

CLASSIFICA CON I VERDETTI

JUVENTUS CAMPIONE D’ITALIA IN CHAMPIONS LEAGUE

NAPOLI E MILAN IN CHAMPIONS LEAGUE

FIORENTINA E UDINESE IN EUROPA LEAGUE

PALERMO-SIENA-PESCARA RETROCESSE IN SERIE B

(Sampdoria e Torino -1; Atalanta -2; Siena -6 )

JUVENTUS 87
NAPOLI 78
MILAN 72
FIORENTINA 70
UDINESE 66
ROMA 62
LAZIO 61
CATANIA 56
INTER 54
PARMA 49
CAGLIARI 47
CHIEVO 45
BOLOGNA 44
SAMPDORIA 42
ATALANTA 40
TORINO 39
GENOA 38
PALERMO 32
SIENA 30
PESCARA 22

Write a Comment

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Shortcuts & Links

Search

Latest Posts