Essentials

Meta

Pages

Categories

DUE SETTIMANE PRIMA DEL DERBY

Si riparte da 5 derby, la nuova cartamoneta dei tifosi romanisti

Si riparte da 5 derby, la nuova cartamoneta dei tifosi romanisti

Dalla fine di Roma-Atalanta 3-1 all’inizio del derby di campionato intercorre uno spazio di tempo di tre settimane. Questo arco temporale verrà ricondotto in questo spazio dove albergheranno tutte le notizie relative alla Roma e non solo…
Iniziamo con una curiosità. La fantasia dei tifosi della Roma è infinita e la goliardia regna nell’animo capitolino.
Il lettore Enzo, entrato in una tabaccheria a Roma ha fotografato la nuova moneta con cui pagare al cassiere della Lazio (il derby è in casa biancoceleste) l’acquisto dei biglietti. Si tratta di pezzature da cinque euro, ribattezzate CINQUE DERBY che recano sul fronte principale l’immagiune di Francesco Totti ed in basso a sinistra la scritta 5 derby.

La nuova moneta romanista cinque derby, ma si può fare di più.

La nuova moneta romanista cinque derby, ma si può fare di più.

La nuova cartamoneta è visibile anche in Internet dove i buontemponi non si sono lasciati sfuggire l’occasione di pubblicarla. In ogni caso oltre alla manita ed alla cartamoneta si puà dare di più. Per questo motivo anche la canzone si può fare di più è gettonatissima, vincere il sesto derby consecutivo non frenerebbe certamente l’entusiasmo e la creatività della gens romana e romanista.
Vedere per credere.

Osvaldo in goal anche contro l'Atalanta

Osvaldo in goal anche contro l'Atalanta

OSVALDO IN NAZIONALE

La novità, da parte del ct azzurro, Cesare Prandelli, è rappresentata dalla prima convocazione in assoluto in nazionale maggiore di Pablo Daniel Osvaldo, 25 anni, attaccante dell’AS Roma.
A convincere il ct azzurro è stato un avvio brillante con la maglia giallorossa, in cui ha realizzato tre gol nelle prime cinque gare di campionato.  Il calciatore ha fatto una breve dichiarazione dalla quale si evince la sua contentezza per aver raggiunto la Nazionale Italiana “E’ la realizzazione di un sogno, ringrazio tutti i tifosi della Roma”. L’attaccante italo-argentino, naturalizzato italiano, ha militato per diverse squadre italiane tra cui l’ Atalanta,  Lecce, Fiorentina, Bologna per approdare nell’attuale stagione nella AS Roma. Ha giocato all’estero nel club spagnolo dell’RCD Espanyol, società per cui ha militato due stagioni, offrendo il meglio di se e realizzando 20 reti in 44 gare disputate. Osvaldo, che aveva vestito anche la maglia azzurra dell’Under 21, è stato chiamato dopo gli infortuni  che hanno bloccato Pazzini e Balotelli, entrambi costretti a tornare a casa dal ritiro di Coverciano. Per la cronaca Osvaldo ha esordito in azzurro contro l’Irlanda del nord, entrando nella ripresa.

LA CONSOB APPROVA L’OPA OBBLIGADORIA

Neep Roma Holding comunica che la Consob ha approvato il documento di offerta relativo all’offerta pubblica di acquisto obbligatoria promossa su 43.604.610 azioni ordinarie di AS Roma quotate sul Mercato Telematico Azionario.Il periodo di adesione all’Offerta avra’ inizio il 13 ottobre 2011 e terminera’ il 3 novembre 2011 estremi inclusi, dalle ore 8.30 alle ore 17.30 e salvo proroga. .L’Offerente riconoscera’ a ciascun aderente all’Offerta un corrispettivo pari ad Euro 0,6781 per ciascuna azione portata in adesione all’Offerta.

LA ROMA TRA LE GRANDI:  “Leaders in Football”

Il magnate italo-americano Di Benedetto ha partecipato all’evento “Leaders in Football”, organizzato nella casa del Chelsea. La Roma è stata l’unica squadra italiana a ricevere l’invito, segno che anche oltralpe è ben valutata l’evoluzione che sta avvendo, in seno alla società giallorossa. Il neo-presidente romanista ha dichiarato: “La Roma è un brand conosciuto in tutto il mondo. Tutti conoscono Roma e in molti nel mondo hanno studiato Roma e la sua storia. E’ a tutt’oggi una delle città più visitate al mondo. E questo per noi è un vantaggio. In più abbiamo tutti i diplomatici delle ambasciate e relazioni internazionali qui a Roma che quando tornano negli Usa sono veri e propri ambasciatori di Roma.
La crescita della squadra è stata molto soddisfacente, i giocatori sembrano aver assimilato pian piano i dettami di gioco e la filosofia di Luis Enrique, che è fatta di duro lavoro e gioco di squadra e tutti, da Francesco Totti in giù, hanno lavorato molto duramente. Totti probabilmente è stato quello che ha lavorato più duramente di tutti, così come si è visto nelle ultime due partite che ha giocato  in maniera eccezionale. E’ un esempio che trascina anche i più giovani. Al momento siamo molto contenti dei giocatori che abbiamo e dal livello di gioco che abbiamo. Abbiamo 11 giocatori nuovi che devono conoscersi al meglio l’un l’altro. A gennaio vedremo se sarà necessario effettuare nuovi investimenti.
Sono sempre stato convinto di Luis Enrique. Credo che sia molto competitivo, estremamente intelligente e gran lavoratore. Lui dà tanto e chiede altrettanto ai giocatori. Credo in Luis e credo che il suo approccio sia rimasto coerente. In merito allo stadio Olimpico dico che non è previsto nessun lavoro per migliorarlo,  puntiamo ad uno stadio per il calcio, che abbia i tifosi vicini al campo, dove i tifosi possano trasferire la propria energia ai giocatori in campo. Questo può essere un vantaggio in più per una squadra di calcio, soprattutto nelle partite in cui i giocatori saranno stanche e avranno bisogno di una dose di adrenalina in più in campo.

Totti parla di tutti

Totti parla di tutti

TOTTI: CIAO A TUTTI CI RIVEDIAMO TRA UN ANNO

Francesco Totti dopo un anno e mezzo è tornato a parlare e lo ha fatto in quel di Trigoria al Fulvio Bernardini davanti ad una platea di attenti colleghi: Mancherò al derby, ha iniziato il capitano, ho cercato fino alla fine di recuperare ma non ce l’ho fatta. Per me è una partita differente da tutte le altre. Giocare contro la Lazio è una cosa speciale. Sono nato e cresciuto qui. Anche se poi sono sempre tre punti. Da lunedì anche i nuovi capiranno che il derby è una partita speciale. Non so quando tornerò. Spero di riuscirci contro il Palermo. Penso che gli americani vogliano fare grandi cose, una grande squadra. Con una città come Roma è doveroso, siamo a disposizione per aiutarli.
Si troveranno in difficoltà all’inizio ma hanno persone competitive sotto ogni punto di vista.
In merito a Baldini dico che è normale che  sentendo la sua intervista c’ero rimasto male. Ognuno è libero di dire ogni cosa.
Con Franco ho avuto sempre un bellisimo rapporto non ho mai avuto problemi anche quando è andato via. Quando lui arriverà, presto spiegherà quasta pigrizia cosa vuol dire. E’ un direttore conosciuto tra i piu bravi, è nello staff della Roma, speriamo di poter rivincere insieme.
Spero di non essere mai un problema per la Roma. Ho sempre dato qualcosa in più per questa squadra. Ogni anno ce ne è una.
Quest’anno era il problema economico ho avuto un chiarimento con il direttore, ho chiesto se facevo parte di questo progetto. Mi hanno detto che sono al centro del progetto e fortunatamente sono al centro del progetto.
Con Louis Enrique non è iniziato tutto subito bene in quel periodo stavo bene, non mi aspettavo di stare fuori. Prima ho sentito che facevo parte del progetto, poi alla prima non ho giocato e alla seconda sono stato sostituito. Qualcosa non mi quadrava, ho avuto un chiarimento e le cose sono cambiate in meglio. Quello creato è un progetto da qui a cinque anni. Ci vorrà tempo prima di vincere. E’ una squadra ringiovanita. In Italia è difficile vincere se non hai esperienza.  Spero di vincere prima di cinque anni anche perché il contratto mi scade, o me lo allungano o non so come fare. Ora gioco più arretrato segno di meno ma mi sacrifico volentieri per la squadra.Il mio rapporto è positivo col mister. Ci parlo spesso. Lui vuole che io batta ogni record. Io voglio giocare fino a 40 anni se il fisico sta bene. Ho detto tutto.
De Rossi vuole rimanere a vita qua alla Roma come ho fatto io però nello specifico non ci sono entrato perchè sono cose sue private. Spero trovino un accordo perchè la cosa è andata avanti più del dovuto.
Cosa ti ha ferito delle critiche in questo periodo?
I nuovi arrivati sono tutti buonissimi giocatori. Non è facile cambiare lingua e nazione per nessuno. Pjanic è tecnicamente formidabile anche se da fuori può sembrare lento, ma non è assolutamente così. Lamela sinceramente non l’ho quasi mai visto, da quanto mi dicono è molto bravo. Facciamolo crescere tranquillamente. Per la dirigenza la differenza è che con i Sensi e lo staff precedente ci sono cresciuto, un rapporto aldilà del lavoro. Li ringrazierò per sempre. I nuovi dirigenti sono persone serie ma potrò avere lo stesso rapporto di che avevo prima.
Luomo derby? E’ Reja! E’ una battuta! Klose vorrei non giocasse non pensavo fosse così bravo. Loro sono sempre i favoriti.
Fosse per me vorrei stare in panchina anche in borghese, ma non vorrei creare problemi come anni fa. La domenica starò vicino alla squadra.
Lo scudetto ora non ci interessa. Riguarda la zona nord del Paese.
A Pescara sono stati premiati i giocatori con più di cento presenze in nazionale.
In campo prima delle gare ci ritroviamo in cerchio, prima c’era un urlo liberatorio nello spogliatoio ora lo facciamo davanti a tutti e in cerchio.
Olympia non volerà domenica, è’ una coreografia bella se dovesse volare, ma non lo farà. Andrà al mare con i gabbiani.
Ai tifosi romanisti non posso dirgli niente perché fanno tutto loro. Sono tifosi unici, alcuni miei compagni non si aspettavano una tifoseria di questo tipo. Per tanti viene prima la Roma e poi la mamma. Questo dimostra l’affetto che c’è. Dovremo ricambiarli.
Ciao a tutti. Ci rivediamo tra un  anno.

ARBITRERA’ TAGLIAVENTO

Il derby Lazio-Roma di domenica 16 ottobre, in posticipo serale con inizio alle 20.45 sarà diretto da Paolo Tagliavento della federazione di Terni. Gli assistenti saranno Ghiandai e Giordano, il quarto uomo Celi. Con questo arbitro la Roma ha vinto tre derby su tre. In 20 direzioni totali la Roma ha vinto 14 volte, pareggiato 3 e perso 3.

 

Write a Comment

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Shortcuts & Links

Search

Latest Posts