Essentials

Meta

Pages

Categories

Coppa Italia: Inter-Roma 1-1

Semifinale di Coppa Italia

Gara di ritorno

Milano, Stadio Meazza ore 20,45

Mercoledì 11 maggio 2011

Inter – Roma 1-1

Borriello firma il pari

Borriello firma il pari

LA ROMA SFORTUNATA ESCE A TESTA ALTA

Quella veramente persa perchè giocata male è la gara di andata all’Olimpico davanti il pubblico amico. Al di là della rete di Stankovic la Roma non ha brillato fallendo con Vucinic persino la rete del vantaggio. Poi una rete nell’ultimo giro d’orologio del primo tempo ed ecco la frittata apparecchiata.
Al ritorno al Meazza a meritare maggiormente la finale dell’Olimpico è la Roma (che ha avuto avversari veri e tosti, vittoria nel derby vittoria contro la Juventus a Torino e poi l’Inter) che esce a testa alta dal campo e dalla manifestazione dimostrando netta superiorità nelle azioni da rete. Nel primo tempo due conclusioni da fuori area di De Rossi sfiorano l’incrocio dei pali e fanno gridare al goal. Quindi una conclusione di Cassetti parata con difficoltà da julio Sergio in due tempi, e occasione tanto favorevole quanto sfortunata il tiro di Borriello che supera il portiere interista e colpisce il primo palo per poi vedere la sfera attraversare in orizzontale tutta la linea di porta per terminare il viaggio addosso l’altro palo colpèito internamente ma con effetto ad uscire. Veramente un gufaggio!

Doppio palo di Borriello

Doppio palo di Borriello

ROMA GRANDI ASSENZE GRANDE PRESTAZIONE

La Roma che scende al Meazza è una Roma menomata, fuori la sua grande stella Totti che sconta l’ultima giornata di squalifica dovuta al calcione rifilato lo scorso anno a Balotelli (che seguita a far parlare male di se anche all’estero). Manca Taddei, Brighi (frattura al Perone) la Roma recupera a centrocampo due elementi che gli mancheranno per il finale di campionato come De Rossi e Perrotta.  Vucinic è a sorpresa in panchina mentre gioca dal primo minuto Menez. Proprio il francese sarà la pedina negativa dell’intera gara.

Menez non fà la differenza

Menez non fà la differenza

Dopo un primo tempo fiacco con la partita che non decolla, nonostante le conclusioni da fuori di De Rossi la ripresa parte inizialmente con la stessa andatura di fine stagione poi come d’incanto la Roma inizia a pressare alto gli avversari e l’inter inizia a mostrare lacune cui la Roma può aggrapparsi. Borriello senza Totti dimostra le qualità di inizio stagione e non delude, bravo Juan dietro a chiudere  sulle ripartenze dei padroni di casa mentre si mette subito in luce Greco da quando è inviato in campo ad inizio ripresa a rilevare un acciaccato Pizarro (problemi agli adduttori per lui). Bene farà anche Caprari che ha le milanesi nel destino. Dopo essere stato sceltp contro il Milan al posto di Menez (che non aveva la giusta voglia) a Milano contro l’Inter sostituisce proprio un indecifrabile promessa mancata come il francesino che, fallisce ancora, l’occasione per far sperare in roseo futuro per lui e la squadra.  Mentre la Roma cala le carte per il rush finale l’Inter va in goal. Su cross da destra Perrotta tocca la palla che scende su un braccio, l’azione prosegue ed Eto’o con un piatto a cercare l’angolo vuoto fa passare la sfera sotto le gambe di Perrotta e trova la rete del vantaggio. L’Inter cerca di chiudere gara e qualificazione con i tentativi di Pazzini e Milito ma Doni è all’altezza mentre Borriello  diventa l’incubo di Julio Cesar. Un doppio palo ferma la gioia del goal che è solo rimandata quando Perrotta crossa di precisione a centro area dove l’ex milanista colpisce di testa e lascia di sasso il portiere pareggiando l’incontro. Mancano soltanto sei minuti al termine ma non sono sei minuti che trascorrono vuoti e senza lasciare il segno. De Rossi protesta per un fuorigioco che le immagini dichiarano esserci mentre tutta la panchina, e non solo, contesta Orsato per aver concesso solo tre minuti di recupero che non sono sufficenti per il totale delle sostituzioni effettuate e per il tempo perso.

J. Sergio immobile la Roma pareggia

J. Sergio immobile la Roma pareggia

NE’ L’INTER NE’ IL TERREMOTO

Le proteste sortiscono l’allontanamento inconsueto della panchina “tecnica-dirigenziale” della Roma. escono Pradè, Nanni, Bertelli e Russo. Al 93′ esatto l’arbitro fischia la fine senza minimamente considerare che nel recupero non si è praticamente giocato. E poi c’è ancora chi và protestando per i “presunti favori arbitralI” di cui la Roma avrebbe goduto in questa stagione. L’ennesima bufala pari a quella del terremoto che avrebbe dovuto distruggere Roma in questa giornata.
Alla fine nè il terremoto nè l’Inter hanno distrutto una Roma che è uscita a testa alta e che ha avuto sui piedi dei propri calciatori la chiara possibilità di arrivare alla finale. La stella sulla maglia è solo rimandata a presto speriamo, il terremoto per sempre.

IL TABELLINO DELL’ 1-1

INTER (4-2-3-1): Julio Cesar; Maicon, Lucio, Chivu, Nagatomo; Mariga, Cambiasso; Zanetti, Kharja (dal 30’ s.t. Motta), Eto’o; Pazzini (dal 22’ s.t. Milito).

A disposizione: Castellazzi, Materazzi, Obi, Coutinho, Pandev.

All. Leonardo.

ROMA (4-2-3-1): Doni; Cassetti, N. Burdisso, Juan, Riise; De Rossi, Pizarro; Perrotta (dal 1’ s.t. Greco) , Simplicio (dal 12’ s.t. Vucinic), Menez (dal 29’ s.t. Caprari); Borriello.

A disposizione: Lobont, Castellini, Loria, Rosi.

All. Montella.

Arbiro: Orsato di Schio.

Marcatori: 57′ Eto’o; 84′ Borriello

Ammoniti Chivu, Maicon, Perrotta, De Rossi

Recuperi: 1’ primo tempo; 3’ secondo tempo.

Write a Comment

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Shortcuts & Links

Search

Latest Posts