Essentials

Meta

Pages

Categories

Recupero di campionato: Bologna-Roma

RECUPERO VENTIDUESIMA  GIORNATA TERZA DI RITORNO
Bologna , 23/02/2011
Stadio Dall’Ara di Bologna
ore 18,30.(Recupero gara interrotta al 16′ p.t. sullo 0-0)

Il Dall'Ara il 30 gennaio

Il Dall'Ara il 30 gennaio

DA BOLOGNA A BOLOGNA CON IL CUORE A PEZZI

Si recupera la gara interrotta il 30 gennaio c..a. quando a Bologna un’intensa nevicata fermo l’incontro di calcio giocato solo 16 minuti terminati sullo 0-0. Allora la Roma vantava 38 punti poi il disastro. L’incontro interno finito 1-1 conto il Brescia, la sconfitta contro l’Inter, quella contro Napoli e Genoa cui va sommata quella della gara di andata di Champions league. Una serie nera apertasi dopo Bologna e ci si augura che si chiuda a Bologna con un risultato positivo. Molta acqua è passata dal giorno della sospensione sotto i ponti ed è acqua amara difficile da digerirre. E’ saltato Ranieri è restato Montali cui è stato dato un ruolo di dirigente, si stringe la conclusione della trattativa americana che procede verso la conclusione ed infine la novità Montella che porta entusiasmo in un  ambiente che in questa stagione è abbastanza depresso. Quelli che non cambioano e che non possono cambiare sono i cognomi dei calciatori, almeno quelli visti in campo (Adriano è al carnevale e non vuole ritornare, Pizarro al rientro dopo solo l’infortunio?).  Non ci resta che attendere l’impronta di Vincenzo Montella alle presa con le emiliane (Bologna e Parma) dopo il lavoro fatto bene con la squadra giovanile. Lo stesso Montella ha dichiarato “Un conto i ragazzi un altro i professioniusti. Lasciare fuori un ragazzo per me è pesante mentre per un professionista fa parte del suo lavoro e ci sta”.

Montella alla sua prima panchina da allenatore con la Roma

Montella alla sua prima panchina da allenatore con la Roma

L’AEREOPLANINO TORNA A VOLARE LA ROMA VINCE A BOLOGNA

L’aereoplanino di Montella vola sul Dall’Ara e la Roma ritrova la vittoria al termine di una gara convincente, con un Pizarro tra i migliori in campo (perchè oggi in campo finalmente c’era). Montella non sbaglia i campi e mette gli uomini giusti al posto giusto e nel momento giusto. Era importante per la classifica e per il morale cambiare rotta e vincere nella tana rossoblù non era facile, qui aveva vinto solo il Milan e questo la dice lunga sull’importanza della vittoria dei giallorossi. Alla fine il portiere Doni che ha sostituito julio Sergio non è mai stato chiamato ad intervenire in maniera determinante mentre Mexes ha puntellato alla sua maniera il reparto arretrato rimediando la solita stupida ammonizione per proteste, dovuta al brutto carattere che limita questo giocatore in campo. Le scelte del tecnico non hanno privilegiato nessuno, addirittura l’amico Totti è rimasto in panchina perchè Montella ha scelto Borriello. Pizzarro si è fatto trovare pronto perchè ha giocato tutti e 90 i minuti ed ad alto livello, come accennato in apertura. Si siede in panchina oltre al capitano anche Menez ma dalla panchina romanista arrivano sorrisi. Il posto prima Totti poi Menez lo troveranno in corso d’opera e la prestazione dei due subentranti è stata buona.

Un bel gesto dei tifosi bolognesi

Un bel gesto dei tifosi bolognesi

BEL GESTO DEI TIFOSI BOLOGNESI

Poco prima dell’inizio di Bologna-Roma dal cuore della curva dei tifosi del Bologna è apparso uno striscione con la scritta “OLTRE LA RIVALITA’ CIAO MORTADELLA” . Così i sostenitori rossoblù hanno voluto ricordare Fabrizio Carroccia soprannominato Mortadella. Un bel gesto che dovrebbe aiutare a stemperare le tensioni tra ultrà romanisti e bolognesi, ce lo auguriamo tutti ricordando anche che tifosi giallorossi e rossoblù un tempo erano gemellati.

Roma-Bologna 1-0. La rete di De Rossi.

Roma-Bologna 1-0. La rete di De Rossi.

DE ROSSI PER LA SVOLTA

Si riparte dal calcio d’angolo per i padroni di casa e l’arbitro ferma il gioco per un fallo su Doni. kFà molto freddo, molto di più di quando è stata interrotta la gara di gennaio ma in quel caso fu la neve a fermare la partita. Capitan furueo si prende un’ammonizione a centrocampo interrompendo una ripartenza pericolosa dei felsinei. Nel finale di primo tempo Vucinic sul fondo dell’area rossoblu recvupera un pallone prezioso e lo serve a De Rossi che finta in area due volte il tiro che effettua mentre la difesa si stava per chiudere. La sfera è molto veloce ma la testa di Cherubin inganna Viviano e la palla gonfia la porta bolognese. Sarà il goal che porterà la Roma in vantaggio dopo il primo tempo ridotto e, quel che conta di più, anche nel finale di incontro. Tre punti che portano la Roma a sei di ritardo dal quarto posto, ormai obiettivo primario di questa stagione insieme ad andare avanti in coppa Italia e cercare l’impresa imn Ucraina, sapendo che un miracolo basterebbe. La squadra ha risposto bene, ed ha tenuto anche nella continuità e sul fondo nonostante un giorno in meno di riposo rispetto agli avversari. Il Bologna aveva diverse assenze ma è sembrata una squadra con un impianto solido che non ha concesso molto alla Roma che in ogni caso ha avuto più occasioni. Buono il possesso palla tra i giallorossi guidati da Pizarro  e sempre elegante la danza sul pallone di Menez che insieme agli altri ha compèreso il momento particolare della squadra.

De Rossi festeggiato dopo il goal

De Rossi festeggiato dopo il goal

PRIMO DOPO PARTITA PER MONTELLA

Nonostante io sia una persona molto fredda ed ho cercato di vivere queste ore in maniera distaccata, al fischio finale mi sono emozionato. Ci tengo a ringraziare i ragazzi anche se non so quale sarà la nostra storia, ma lo faccio per questa emozione che mi hanno regalato, così come ho ringraziato la società, che mi ha dato le chiavi della squadra. Ho studiato il Bologna, abbiamo coperto bene il campo e sono stati bravi gli esterni alti. Mirko si è sacrificato molto, la linea di difesa è stata eccezionale. Allenare la Roma è il sogno di tutti e sono stato aiutato dai ragazzi completamente disponibili. Francesco per esempio sta molto bene, è un giocatore che sarà sicuramente importante, è rimasto in panchina perché avevo letto la partita in un certo modo. Per me in questo momento non può supportare le tre punte. Lui può essere da supporto al’allenatore e da esempio. Sul ruolo del portiere cercherò di essere sempre onesto e chiaro per non avere dispersioni. Se il giocatore va in campo è perché credo sia il più bravo, anche se è brutto dirlo. Anche Julio però è molto bravo e mi ha dato disponibilità.In merito a Pizarro è una scelta mia, forzata. Sono 3 giorni che parlo con lui, ma credo che non è un allenamento che fa la differenza. Gli ho detto che doveva giocare per forza, è  stato eccezionale fino alla fine, lo ringrazio.

Pizarro al rientro in squadra a Bologna con Montella

Pizarro al rientro in squadra a Bologna con Montella

IL TABELLINO DELLA VITTORIA ESTERNA DELLA ROMA

BOLOGNA (4-3-1-2): Viviano, Casarini, Esposito, Cherubin, Rubin (dal 43′ st Morleo), Mutarelli (dal 25′ st Siligardi), Mudingayi, Della Rocca, Ramirez, Meggiorini (dal 25′ st Paponi), Di Vaio.

A disposizione: Lupatelli, Britos, Buscè, Krhin.

Alenatore: Malesani.

ROMA (4-2-3-1): Doni, Cassetti, Burdisso, Mexes, Riise, De Rossi, Pizarro, Taddei, Simplicio (dal 33′ st Brighi), Vucinic (dal 38′ st Menez), Borriello (dal 28′ st Totti).

A disposizione: Julio Sergio, Juan, Rosi, Greco.

Allenatore:  Vincenzo Montella

Arbitro: Banti di Livorno

Marcatore: :45′ De Rossi

Ammoniti: De Rossi, Paponi e Ramirez, Mexes

Angoli: 4-4.

Recupero: 0 primo tempo e 5′ secondo tempo

Spettatori: 18mila circa.

CLASSIFICA SERIE “A”

MILAN 55
NAPOLI 52
INTER 50
LAZIO 48
UDINESE 44
ROMA 42
JUVENTUS 41
PALERMO 40
GENOA 35
CAGLIARI 35
FIORENTINA 33
BOLOGNA 32
CHIEVO 31
SAMPDORIA 31
LECCE 27
PARMA 27
CATANIA 26
BRESCIA 23
CASENA 22
BARI 15

Write a Comment

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Shortcuts & Links

Search

Latest Posts