Essentials

Meta

Pages

Categories

Campionato: Palermo-Roma 3-1

QUATTORDICESIMA GIORNATA DI ANDATA
Palermo, 28/11/2010
Stadio R.Barbera
ore 20,45
PALERMO-ROMA 3-1

Totti mitiga il risultato e aumenta il bottino personale.

Totti mitiga il risultato e aumenta il bottino personale.

OTTIMO PRIMO TEMPO GIALLOROSSO

La Roma scende a Palermo priva di Vucinic toccato duro ad una caviglia in allenamento, senza Perrotta e Taddei con Burdisso squalificato al cospetto di un Palermo che può presentare la formazione migliore. La Roma che nei primi 45′ gioca a favore di vento inizia subito ad imporre il suo gioco e lo farà per tutta la prima parte di gara. Sirigu, portiere rosanero è il migliore in campo dei suoi e questo qualcosa vorrà pur significare. Menez semina avversari mentre Borriello cerca la conclusione vincente ma la retroguardia rosanero ha sempre la meglio anche con un pizzico di fortuna.

Una serataccia per la Roma in una giornata di campionato che l'aspetta.

Una serataccia per la Roma in una giornata di campionato che l'aspetta.

Totti è l’unico che cerca la conclusione da fuori visto il vento che potrebbe accelerare la traiettoria ma la miara difetta. Cassetti è bravo nelle aperture a destra e crea molti imbarazzi tra i padroni di casa. Miglior copertura del Palermo a sinistra con Riise che non riesce a sfondare da quella parte.

Mexes onestamente dichiara l'angolo

Mexes onestamente dichiara l'angolo

FAIR-PLAY MEXES, TUTTA ONESTA’

Su attacco palermitano un pallone scagliato verso la porta di Julio Sergio è deviato da Mexes in angolo. L’arbitro Brighi concede sbagliando la rimessa dal fondo e lo stesso Mexes gli fà rettificare la decisione guadagnandosi gli applausi dello stadio ed i complimenti del direttore di gara.

Goal del Palermo

Goal del Palermo

GOAL DEL SOLITO MICCOLI

Alla prima vera seria occasione da rete per il Palermo il risultato si sblocca. E’ Miccoli, solo a destra dell’area di rigore giallorossa, a cercare e trovare il tiro giusto con Julio Sergio che parte in ritardo, forse coperto da Riise, e centra la porta ed il vantaggio rosanero. La legge della storia del calcio si ripete ed è ancora Miccoli a condannare la Roma a chiudere in svantaggio la prima parte di gara. La squadra di Delio Rossi è viva in avanti solo nell’azione del goal per il resto ha contenuto soltanto le offensive degli uomini di Ranieri che ci hanno provato a più riprese senza però metterla nel sacco.

Tiro cross di Totti

Tiro cross di Totti

SECONDO TEMPO SOLO PALERMO

Perchè la Roma non sia mentalmente scesa in campo nel secondo tempo chissà chi potrà dircelo mai. Fatto stà che nei primi sei minuti i padroni di casa hanno fatto vedere i sorci rosanero ai rivali infilando la porta di Julio Sergio per altre due volte e chiamando due volte Julio Sergio alla parata salvarisultato.
Si può discutere e dibattere se il 3-0 fosse più o meno meritato, ma alla fine ha vinto chi non ha fatto la partita, il Palermo che agendo di rimessa ha sfruttato alla perfezione le ripartenze e la bravura di Ilicic che ha sfornato assist a profusione  oltre a realizzare. La terza rete di Nocerino sempre in azione di contropiede.. Uscito Menez per infortunio si è completamente spenta la luce e il Palermo ha respinto con ordine e con estrema facilità gli attacchi della Roma. Che dire della prestazione di Simplicio che propabilmente è rimasto col cuore, e con qaulche giocata (come quella del 3-0), ancora in maglia rosanero. Male anche Pizarro e De Rossi in un centrocampo che è stato la parte peggiore della squadra. Bravi invece Mexes, Menez e Julio Sergio e parzialmente Cassetti.

TOTI GOAL SU AZIONE

L’unica soddisfazione per i tifosi romanisti la rete di Totti al 92′. Il capitano galleggia sulla linea del fuorigioco, si allarga a destra e dopo alcuni pasi esplode, è il caso di dirlo, un diagonale di arra potenza su cui Siripu devia leggermente ma la palla s’insacca.

SCONFITTE A RIPETIZIONE FUORI CASA

Una Roma che lontano dall’Olimpico (tranne che nel derby che si è giocato all’Olimpico) non è riuscita mai a vincere. Palermo ne è stata una riconferma in negativo. Termina al Barbera il filotto di sette risultati utili consecutivi, cinque vittorie e due pareggi. Doveva pur accadere. Ora un’altra trasferta a Verona contro il Chievo che oggi non ha giocato a Bologna, causa neve, potrebbe essere la volta di sfatare il mal di trasferta. In ogni caso la sconfitta di Palermo è ammortizzata da una giornata dove, tranne l’Inter, le squadre sopra la Roma hanno tutte perso o pareggiato, quindi non tutto il male viene per nuocere. Ora sarebbe auspicabile che si correggessero gli errori che emergono dopo questo primo quarto di torneo.

IL TABELLINO

ROMA (4-3-1-2): Julio Sergio; Cassetti, Juan, Mexes, Riise; Pizarro (60′ Baptista), De Rossi, Simplicio; Menez (68′ Cicinho); Totti, Borriello.
A disposizione: Lobont, Cicinho, Castellini, Brighi, Rosi, Baptista, G. Burdisso.
Allenatore: Ranieri.

PALERMO (4-3-2-1): Sirigu; Balzaretti, Bovo, Munoz (46′ Goian), Cassani; Nocerino, Bacinovic, Migliaccio; Ilicic, Pastore (89′  Liverani); Miccoli (70′ Maccarone).
A disposizione: Benussi, Goian, Garcia, Kasami, Liverani, Pinilla, Maccarone.
Allenatore
: Rossi.

Arbitro: Brighi.

Marcatori: 19′ Miccoli, 60′ Ilicic, 65′ Nocerino. 90′ Totti.

Assistenti: Calcagno e Rossomando.

Quarto Uomo: Bergonzi.

INTERVISTE

RANIERI: Abbiamo giocato un primo tempo discretamente ma siamo stati lenti. Li abbiamo costretti indietro ma loro erano ficcanti nelle ripartenze. Complimenti a loro, poi il nostro secondo tempo è stato incolore. Non dobbiamo dimenticare che venivamo dalla partita di martedì contro il Bayern, non abbiamo avuto la possibilità di prepararci bene. Menez non ha avuto lo spunto vincente sugli esterni perché era raddoppiato, i centrocampisti non trovavano  le punte e le punte non trovavano spazi. Bisogna accettare la sconfitta, complimenti a Palermo che è stato molto bravo. I ragazzi erano determinati e concentrati, sapevano di affronatare un garnde Palermo.  In settimana non avevo visto seganli di cedimento, volevamo continuare bene, ma c’è un avversario. Non voglio sminuire il Palermo dove rientravano tutti e partivano in contropiede, avevano sempre tempo di rientrare. I loro attaccanti sconquassavano la difesa. Non abbiamo sbagliato partita, e’ stato meglio il Palermo. Se si può rifare il miracolo? Non lo so, dobbiamo avere la continuità che non abbiamo avuto oggi. Solo così potevamo dare segnale al campionato. Ora ci dobbiamo preparare alla prossima, è diversa la Roma da quando è arrivato Borriello, adesso no, poi le idee possono essere riprese, corrette, ma questo viene anche dai giocatori, che danno spunti all’allenatore

RISULTATI

SAMPDORIA-MILAN

1-1
JUVENTUS-FIORENTINA

1-1

INTER-PARMA

5-2

BARI-CESENA

1-1

BOLOGNA-CHIEVO

Rinviata

BRESCIA-GENOA

1-1

CAGLIARI-LECCE

3-2

LAZIO-CATANIA

1-1

UDINESE-NAPOLI

3-1

PALERMO-ROMA

3-1

CLASSIFICA SERIE “A”

MILAN 30
LAZIO 27
JUVENTUS 24
NAPOLI 24
INTER 23
PALERMO 23
ROMA 22
SAMPDORIA 20
UDINESE 20
CHIEVO 19
CATANIA 18
GENOA 18
CAGLIARI 17
FIORENTINA 16
PARMA 15
BOLOGNA 14
BRESCIA 12
LECCE 12
CESENA 12
BARI 10

Write a Comment

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Shortcuts & Links

Search

Latest Posts